Festa dei Gigli di Barra 2019, Leda Fiotti: “Cullare il giglio per una donna è insolito, ma che emozione”

A Barra si entra nel vivo, la Festa dei Gigli è alle porte e in occasione della kermesse barrese, Vesuviolive.it ha intervistato Leda Fiotti, che canterà per la paranza Formidabile di Raffaele Maddaluno accompagnata dalla Cappelluccio’s Band e con i suoi colleghi Salvatore Minieri e Teodoro Liberti. L’unica donna cantante della festa di quest’anno si è raccontata, soffermandosi sulla sua passione che nasce da bambina, compresa quella di cullare un giglio. La seconda di una serie di interviste rilasciate da coloro che allieteranno la Festa dei Gigli di Barra e la ballata dei gigli:
– Cosa rappresenta per te la Festa dei Gigli?
Per me la Festa dei Gigli rappresenta un momento di condivisione, è bellissimo vedere i giovani ed i meno giovani uniti in nome del nostro Santo Paolino e per amore della nostra città”
– Qual è la festa che ti ha suscitato più emozioni di tutte quelle viste e passate?
La Festa dei Gigli è meravigliosa in tutte le sue sfaccettature, ma il primo amore non si scorda mai, quindi senza dubbio la Festa degli Gigli di Nola. Era il 2017 quando ho partecipato alla kermesse in prima persona con la Barca di San Paolino e i ragazzi dell’Orgoglio Nolano prestando la mia voce“.
– Da bambina, in passato, avrai avuto un idolo: da quale cantante hai preso spunto per poi intraprendere questa carriera canora?
Sin da ragazzina, il mio idolo è sempre stato Salvatore Minieri. E ad oggi non avrei mai immaginato di affiancarlo nelle feste più importanti. Lo stimo molto, è un grande cantante, sono contenta di collaborare con una persona come lui e mi da sempre la carica giusta“.
– Chi ti ha trasmesso questa passione per la Festa dei Gigli?
Penso che la passione per la nostra Festa nasca insieme noi. Ma comunque mi è stata trasmessa dai miei genitori, anche loro Giglianti“.
– Secondo te cosa ha di magico questa festa per coinvolgere migliaia di persone?
La Festa, come ho già detto prima, ha il potere di raccogliere sotto la sua ala,grandi e piccini. Gli ingredienti principali che rendono magica la nostra kermesse sono: la Fede, i sorrisi, la gioia, il divertimento. Ogni festa diventa per noi, come cita una canzone dei Gigli, “Paradiso dell’anima
– Immagino che prima di cantare su un giglio, almeno una volta ci sei stata sotto. Cosa si prova a cullare questo obelisco di legno alto 25 metri?
Cullare un Giglio è senz’altro un’esperienza insolita per una donna. La prima volta per me è stata un mix di forti emozioni. Da provare sicuramente una volta nella vita“.
– Oltre a te c’è una band musicale su ogni giglio che si esibisce pronta ad accompagnare le tue canzoni e suonare i loro pezzi inediti. Se fossi un musicante quale strumento ti piacerebbe suonare?
Se fossi un musicante,senza dubbio, suonerei la grancassa“.
Vesuviolive.it ringrazia Leda Fiotti per essersi resa disponibile per l’intervista e le fa un grande in bocca al lupo per la festa.  

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più