Campo rom di Scampia: abbandonate tonnellate di rifiuti tossici. Nuovi roghi a rischio

Due napoletani sono stati sorpresi mentre abbandonavano ben due tonnellate di rifiuti pericolosi e speciali nel campo rom di Scampia. Scattata la denuncia per entrambi.

I due individui sono stati sorpresi dagli agenti della polizia municipale appartenenti alla U.O. Tutela Ambientale. Gli stessi agenti hanno fermato e denunciato i colpevoli che avevano agito a cupa Perillo viale della Resistenza.

Sono state abbandonate circa due tonnellate di scarti di lavorazione edile. I due hanno utilizzato un veicolo che porta il marchio di una nota ditta di distribuzione di mobili. Conoscendo la ditta è stato facile risalire all’identità del titolare.

Gli accusati dovranno rispondere per abbandono indiscriminato di rifiuti speciali e pericolosi in un’area già oggetto di numerosi incendi. Per questo motivo la polizia giudiziaria ha già cominciato le indagini.

Il furgone, sottoposto a sequestro ai fini della confisca si trova ora in custodia giudiziaria all’interno della ditta responsabile, sigillando i pedali e le portiere. Inoltre i rifiuti saranno smaltiti secondo la legge e con la supervisione della polizia giudiziaria e l’autorizzazione della autorità giudiziaria.

La situazione è molto delicata perché dai campi rom spesso sorgono roghi inquinanti di natura dolosa. Porre lì dei rifiuti pericolosi significa mettere benzina sul fuoco. Questi materiali infatti sono già tossici, se qualcuno dovesse appiccare un incendio creerebbe degli incendi tossici di spropositata natura come accadde nel 2017. 

Due anni fa infatti un campo rom di Scampia prese fuoco e 300 residenti dovettero lasciare le loro abitazioni di fortuna. Alcuni sostenevano che l’incendio fosse di natura dolosa da parte di alcuni abitanti del quartiere che non volevano quel campo rom.

La questione legata a questi campi è sempre complessa. La questione sociale primeggia sulla questione dei rifiuti. Questo sversamento potrebbe far riaccendere quella miccia che due anni or sono prese fuoco.

Potrebbe anche interessarti