Comune di Napoli stanzia oltre 1 milione di euro per famiglie con disabili

disabiliNapoli– Il Comune ha stanziato oltre 1 milione di euro per le famiglie con disabili a fronte del progetto “Dopo di noi“. Questi fondi sono arrivati con un un ritardo di qualche mese ma finalmente potranno essere utilizzati.

Il bando, nato lo scorso anno, prevedeva la possibilità di richiedere un sostegno. Un aiuto economico pari a una cifra massima di 40mila euro per ciascuna famiglia con un disabile in casa. Al progetto hanno preso parte sia associazioni territoriali che cooperative per sostenere queste famiglie.

Il bando “Dopo di noi” quindi si propone di sostenere concretamente queste persone. Soprattutto a fronte di un futuro indipendente. A tal proposito, le associazioni e le cooperative stanno attuando, grazie a questo progetto, un percorso di condivisione e cohousing. Cioè dare la possibilità a questi ragazzi di intraprendere vite al di fuori della loro sfera familiare, condividendola con altri.

Il ritardo dell’erogazione però ha comportato alcuni problemi alle associazioni che avevano previsto dei piani personalizzati per i ragazzi disabili. Piani che per motivi tempistici sono venuti meno. Questo è accaduto perché i fondi sono stati stanziati dopo oltre un anno dal bando. Tre mesi dalla firma del contratto per i vincitori dell’avviso pubblico. Ed infine, dopo 2 mesi dalla liquidazione del milione e 200 mila euro da parte della Regione al Comune. Dopo questo lungo iter finalmente le 36 famiglie hanno ricevuto ciò che attendevano da tempo.

Molto fortunato chi ha fatto la richiesta a Napoli. Perché finalmente si iniziano ad intravedere le prime risorse, mentre gli altri comuni si trovano ancora molto indietro con il lavoro. Su 58 ambiti sociali infatti, 21 non hanno ancora inviato nulla. Queste famiglie si augurano che si possa vere una svolta ed ottenere questi finanziamenti per poter trattare degnamente i loro figli e non denigrarli come sesso accade, come il caso della bambina a scuola a cui sono stati negati alcuni servizi.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più