Falchi arrestano latitante dopo un anno di fuga, scappato con un permesso premio

poliziaNapoli– Questa mattina è stato catturato dai falchi G.D.M. un ragazzo di 21 anni che da un anno era latitante dal carcere minorile di Nisida. Era tornato in libertà grazie ad un permesso premio di un giorno senza fare più ritorno in carcere.

Il ragazzo è stato rintracciato dopo vari appostamenti a via delle Brecce a Sant’Erasmo. Inizialmente sfuggito alle forze dell’ordine calandosi dal balcone della propria abitazione. Ma una volta capito il trucco i falchi lo hanno bloccato e arrestato per la seconda volta. La sua fuga è durata oltre un anno ed un mese.

Questa vicenda ha scaturito dubbi sul rilascio di permessi premio a questi ragazzi. In particolar modo l’assessore Alessandra Clemente ha sostenuto tramite i suoi profili social che “in questi anni ho imparato a conoscere l’isola di Nisida dove c’è Istituto penale per minorenni. Posso dire ormai di aver imparato a conoscere quell’isola, perché negli anni di visite e progetti ho imparato a credere nel recupero di quei ragazzi. In alcuni casi persino affezionandomi ad alcuni di loro.

Clemente quindi sostiene la causa dei permessi premio. Sono delle chance di reintegrarsi nella società da parte di alcuni elementi che hanno sbagliato in passato ma che in carcere stanno capendo i loro errori. Per questo motivo che il carcere di Nisida attua diversi progetti culturali, musicali, letterali, culinari e chi più ne ha più ne metta.

Proprio per reinserire un soggetto che ha precedentemente sbagliato nella società. Ed in questo modo, come dice Alessandra Clemente: “Eppure ogni ragazzo recuperato è una vittoria per l’intera società“.

Una vittoria per la società ma soprattutto per la persona stessa che riesce a trovare un equilibrio ed una serenità che il passato non gli ha mai consentito. Uno di questi casi è sicuramente quello di Vincenzo Capasso della pizzeria “Casa Capasso”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più