Imprenditore disperato: “Vendo le ambulanze e vado via. Ha vinto la camorra”

vendita ambulanzeVince la camorra. Un imprenditore napoletano, proprietario dell’azienda Sanitax che opera nel settore dei trasporti sanitari, annuncia la vendita delle sue ambulanze perché non può più andare avanti.

“Ho ricevuto un messaggio dal proprietario dell’azienda di trasporti sanitari Sanitax che mi ha reso noto la sua intenzione di disimpegnarsi. Ha messo in vendita le due ambulanze, non ne vuole più sapere di un comparto dove violenza e sopraffazione la fanno da padroni. Mi ha scritto laconicamente che ‘hanno vinto i camorristi’. Una frase che fa male e che evidenzia come i metodi violenti messi in atto da alcuni operatori stiano effettivamente facendo presa, convincendo gli altri concorrenti ad abbandonare il campo”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli.

“Da tempo – prosegue Borrelli – stiamo denunciando gli atti intimidatori che si verificano all’interno del comparto. Operatori minacciati e aggrediti da altri operatori appartenenti ad aziende rivali con tanto di denunce alle forze dell’ordine, soggetti poco raccomandabili che si occupano di tenere lontani gli operatori ‘rivali’ da alcune strutture sanitarie. Una spirale delinquenziale che meriterebbe un approfondimento da parte della Procura della Repubblica.

“Purtroppo anche questo comparto è stato inquinato dalla presenza di alcuni soggetti, già arrestati in passato, che stanno cercando di affermare la propria supremazia con metodi camorristici. Non possiamo permetterlo. Invitiamo il proprietario della Sanitax a ripensarci. Occorre continuare a lottare con tutte le proprie forze. Sappiamo di chiedere uno sforzo ma non è giusto che le persone oneste siano costrette ad abbassare la testa al cospetto dei delinquenti”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più