La rivincita del Rione Sanità: in 20mila per la notte bianca

SanitàNapoli– Ieri sera il Quartiere Sanità ha ospitato oltre 20mila persone per la notte bianca. Un grandissimo evento con 70 artisti divisi in 6 palchi per far rivalutare l’area a i turisti ed ai napoletani stessi.

Ci sono vecchi quartieri di Napoli che godono di una cattiva fama. Quartieri Spagnoli, Cavone, Forcella, Sanità ecc, non sono sempre ben visti dal popolo napoletano. Ma le cose stanno cambiando, i questi quartieri si stanno trasformando, ed in meglio.

Sono diventati luoghi di grande interesse turistico, o dove consumare un aperitivo, o anche farsi una passeggiata per i mercati rionali. La notte bianca è l’occasione per far conoscere a tutti, napoletani e turisti, che queste aree hanno cambiato faccia. Una serata all’insegna del divertimento e della buona cucina classica partenopea per mostrare a tutto il mondo questo potenziale nascosto.

Luigi de Magistris, presente ieri sera, si è mostrato inorgoglito dalla folta presenza di gente per l’evento. Ha infatti così scritto sui propri canali social: “La Sanità è viva, più che mai, come mai lo era stata prima d’ora. Non è più luogo buio, ricurvo, impenetrabile. È un quartiere pieno di luci, di caos energico, di musica, cibo, umanità e voglia di riscatto. Ieri sera ha dimostrato il suo orgoglio identitario, ha mostrato al mondo di avere un’anima, un’anima bella.

Anche Ivo Poggiani, Presidente della Municpalità III e presente alla manifestazione, ha voluto esprimere due parole sul profilo facebook: “Almeno 20mila persone ieri sera per la Notte Bianca al RioneSanità!
Turisti da ogni parte del mondo, tantissimi Napoletani che non avevamo mai visto il quartiere, 70 artisti, 6 palchi.
Tutti i giorni lottiamo per una città migliore, ogni tanto ci concediamo anche il lusso di festeggiare.
Pochi anni fa sarebbe stato inimmaginabile un evento del genere in questi luoghi, oggi invece, come è tradizione la camminata tra i pastori di San Gregorio l’8 dicembre, é tradizione altrettanto venire alla Sanità per festeggiare e sentire l’energia della città.”

Potrebbe anche interessarti