Lavoratore in nero trovato morto a Napoli: cadavere lasciato in strada, era straniero

NAPOLI – Il giallo di un cadavere trovato davanti all’ingresso di un palazzo di Forcella. È successo ieri pomeriggio alle 16.52, in seguito ad una chiamata ricevuta dal 118 per la richiesta di un’ambulanza.

Ancora ignote le generalità dell’individuo, probabilmente un operaio rumeno di 40 anni. Al momento del ritrovamento indossava una felpa, un paio di jeans e delle scarpe da ginnastica. Il corpo presentava una serie di fratture agli arti oltre alla fuoriuscita di sangue dalla bocca e dalle orecchie. Le indagini della scientifica, durate oltre due ore, non hanno riscontrato macchie di sangue nell’area intorno al corpo.

Sono state riscontrate, invece, delle tracce ematiche all’interno del palazzo, nella parte terminale delle scale. Oltre a ciò, gli agenti, hanno scoperto anche un piccolo cantiere all’ultimo piano del palazzo, nell’area interna del piano, costituito da un’impalcatura utilizzata per alcuni lavori di tinteggiatura.

Da una prima ipotesi dell’accaduto, l’operaio potrebbe essere scivolato dall’impalcatura, cadendo all’interno del palazzo e morendo sul colpo. Non è da escludere che qualcuno possa aver spostato il cadavere al di fuori del palazzo e pulito le scale con la candeggina.

Ciò è confermato dal forte odore di candeggina e dalla presenza di alcune parti di pavimento ancora bagnate, come se la pulizia fosse terminata poco prima dell’arrivo dei soccorsi e della polizia. Nessun condomino sembra essersi accorto di nulla. Sul corpo è stato disposto l’esame autoptico.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più