A Napoli la Madonna è nera: in scena il presepe vivente della speranza

presepe vivente madonna nera napoli
Foto: assessore Lucia Fortini

Da molti è stato definito come il presepe della speranza, hanno cercato di far tesoro delle parole del Papa. In questi giorni ha infatti dichiarato che non è importante come si allestisce un presepe, ma è importante quello che vuole dire.

Oltre 150 persone tra studenti, familiari ed insegnati di San Giovanni a Teduccio. Bambini disabili e la rappresentazione della Madonna di una ragazzina di origini africane di 12 anni, studentessa modello. Per questo è stato definito il presepe della speranza, è sintomo di integrazione, di inclusione, al contrario di quanto successo al bambino autistico qualche giorno fa.

Questo è ciò che i ragazzi dovrebbero imparare nelle scuole. Inclusione ed integrazione, saper stare con gli altri, farsi avanti come ha fatto Sara (la Madonna) e proporsi per il ruolo da protagonista. Non avere paura del giudizio, credere in sé stessi.

E pensare che solo nello scorso aprile, questa stessa scuola conobbe la paura a causa della camorra. Un agguato per colpire il nonno di un piccolo bimbo infatti spaventò tutti i presenti. Ma loro con forza si sono rialzati, con forza dicono che ci sono.

A chiudere questo presepe vivente, che comunque rispecchiava le nostre tradizioni, c’è stata l’interpretazione di Greta Thunberg, modello dei giovani di oggi, per alimentare ancora di più un senso di giustizia.

Potrebbe anche interessarti