Infermiere aggredisce collega all’Ospedale del Mare. I turni sono troppo stressanti

ospedale del mareNapoli– All’Ospedale del Mare questa mattina un infermiere ha colpito con un pugno un collega. Per la prima volta ci troviamo a parlare di aggressioni tra sanitari stessi, e non derivante dai pazienti come spesso accaduto quest’anno.

C’è una pagina facebook, “Nessuno tocchi Ippocrate” che tiene il conto di tutte le aggressioni avvenute a Napoli ai danni di chi lavora negli ospedali. Dottori, infermieri e guardie giurate non fanno differenza, fatto sta che solo nel 2019 ci sono state 104 aggressioni, quasi una ogni 3 giorni.

Questa volta però il fatto è diverso. L’aggressione è arrivata proprio da un infermiere dell’Ospedale del Mare, che pare si trovasse in uno stato emozionale particolare dovuto ad un forte stress. Infatti, secondo quanto riporta Il Mattino, tra la vittima e l’aggressore non ci sarebbero ruggini né di natura privata né lavorativa.

Proprio per questo motivo che subito dopo l’accaduto è stato chiamato in causa uno psichiatra, che ha subito testato l’emotività dell’infermiere. Pare appunto che si trovasse in uno stato di forte stress dovuto ai turni di lavoro estenuanti, soprattutto in un periodo come questo.

A dirla tutta però, c’erano già state segnalazioni per il trasferimento dell’individuo. Richieste che però fino a questo momento non erano mai state accolte. Nel frattempo l’infermiere, che ha sempre svolto in maniera certosina il suo lavoro, ha ricevuto 7 giorni di malattia per il suo stato psichico.

Per quanto riguarda la vittima invece, questa è subito stata accompagnata a fare una TAC e ad un breve ricovero per scongiurare qualsiasi tipo di complicazione.

 

 

Potrebbe anche interessarti