Condomini si inventano vigili del fuoco: i petardi stavano distruggendo i palazzi

Quartieri Spagnoli
Foto di Stefano Colasurdo

Napoli – Come di consueto l’ultimo giorno dell’anno è una notte di anarchia in città. Botti, per la maggior parte illegali, sparati in lungo ed in largo sfasciando tutto ciò che trovano sul loro cammino. Questa notte si è rischiato grosso ai Quartieri Spagnoli quando dei motorini stavano per prendere fuoco.

Fortunatamente questo primo gennaio non ha portato gravissime conseguenze. Dati riportano che a Napoli e provincia ci sono stati 48 feriti lievi, e nessuno da arma da fuoco. Certo è un bel passo avanti rispetto al passato.

Ma quello che stava per accadere a via Francesco Girardi poteva avere un esito devastante. Alcuni petardi lanciati dai balconi da parte di alcune persone in maniera goliardica, hanno incendiato alcuni cassonetti di plastica della raccolta differenziata.

LEGGI ANCHE
Il pozzo e il pendolo. Capodanno con delitto nel centro storico di Napoli

Il problema più grande però, oltre alle fiamme già molto alte, è che questi bidoni si trovavano a pochi centimetri da alcuni motorini. Se avessero preso fuoco i motocicli, sarebbe scoppiato tutto a causa dell’impatto con il carburante.

A lanciare l’allarme sono stati gli stessi condomini del palazzo a cui appartenevano questi bidoni, che affacciatisi alle loro finestre hanno assistito alla scena.

Purtroppo però non c’era il tempo materiale di chiamare i vigili del fuoco, le fiamme si stavano spandendo a vista d’occhio e così molti dei residenti si sono muniti di secchi d’acqua e l’hanno lanciata dai propri balconi per spegnere l’incendio.

Un gesto davvero brutto quindi di queste persone che si sono sfidate da balcone a balcone in una gara al petardo più potente. Poteva terminare in tragedia, a pochi metri dai cassonetti infatti ci sono i cosiddetti vasci dei Quartieri Spagnoli (abitati da persone), che sarebbero andati completamente in frantumi.

LEGGI ANCHE
Volla. A fuoco una fabbrica nella notte: incendio spaventoso, crollano edifici e balconi

Potrebbe anche interessarti