Ugo Russo, vietati i funerali ma la famiglia organizza un corteo in strada: “Giustizia!”

Napoli– Questa mattina intorno alle ore 7 c’è stato un corteo dedicato ad Ugo Russo, il ragazzino ucciso dal carabiniere dopo la tentata rapina. Dato il decreto di ieri sera in virtù del Coronavirus infatti i funerali non potranno momentaneamente svolgersi in chiesa. Famiglia ed amici hanno deciso di omaggiarlo così.

Ieri sera infatti è arrivato il decreto che funerali così come i matrimoni saranno momentaneamente sospesi. Ma la famiglia di Ugo non ci sta a lasciarlo nell’anonimato. Ha deciso così di far sfilare la bara del 15enne per strada mentre i presenti richiedevano a gran voce giustizia.

Erano le 7 di stamattina quando il corteo è partito dall’abitazione in cui Ugo Russo viveva con la sua famiglia. Era morto in ospedale ma in un modo o nell’altro i familiari sono riusciti a riportarlo a casa.

Il corteo è quindi giunto a via Francesco Girardi, dove è ubicata la Chiesa dei 7 dolori, quella che avrebbe dovuto tenere le esequie del ragazzo.

Il corteo è stato abbastanza rumoroso, c’era la volontà di far sapere cosa stava accadendo a tutto il quartiere. Tanto è vero che molti residenti si sono affacciati ed hanno reso omaggio al ragazzo applaudendolo alla vista della bara bianca.

I residenti affacciati ai balconi delle loro case quindi si sono uniti al coro “Ugo, Ugo” e “Giustizia” del corteo. Prima di terminare questa particolare funzione organizzata in proprio dalla famiglia di Ugo, sono stati fatti volare una grande quantità di palloncini bianchi in suo onore.

Potrebbe anche interessarti