Farmaco per curare la polmonite da Coronavirus: ne parlano due medici napoletani

farmaco coronavirusFarmaco Coronavirus: l’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio la nazione ma una luce dalla fine del tunnel viene da Napoli. I primi risultati, infatti, provengono dalla collaborazione  tra l’Istituto Nazionale Tumori IRCCS “Fondazione G. Pascale” e l’Ospedale dei Colli di Napoli direttamente con un team di medici cinesi sull’impiego di Tocilizumab, un farmaco anti-artrite reumatoide.

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene

Di tale farmaco abbiamo già parlato in questi ultimi giorni, poiché è stato utilizzato su due pazienti che ora mostrano sensibili miglioramenti. Stavolta, però, sono stati due medici a parlarne: si tratta di Gerardo Botti, direttore scientifico dell’Istituto Nazionale Tumori IRCCS “Fondazione G. Pascale” e di Vincenzo Montesarchio, direttore di oncologia dell’Ospedale dei Colli.

LEGGI ANCHE
VIDEO. Anziano siede su una panchina, poliziotto lo rimprovera: "Torna a casa, è reato"

Il farmaco non è assolutamente una cura per il virus in sé quanto un farmaco utilizzabile per curare le forti polmoniti causate dal virus. Si tratta quindi di un trattamento utile ad evitare la terapia intensiva ai pazienti in gravi condizioni e, di conseguenza, utile a liberare posti nella stessa terapia intensiva. Tra l’altro, il farmaco sembrerebbe avere una reazione piuttosto veloce: tra le 24 e le 48 ore.

Le parole dei due medici napoletani nel servizio a “Stasera Italia”: “È un farmaco che, migliorando gli aspetti respiratori, migliora la sintomatologia e migliora la polmonite. Questo significa che meno pazienti andranno in rianimazione.

“I tempi di reazione sono brevi: i valori di funzionalità respiratoria migliorano anche poche ore dopo la somministrazione. Grazie a questo farmaco riusciremo, forse, a contenere finanche il numero di pazienti ricoverati o il numero di giorni in cui il paziente è ricoverato”. 

E ancora: “La vera battaglia contro i Coronavirus la vinceremo soltanto se riusciremo a rispettare queste quattro o cinque raccomandazioni che non sono per niente difficili da attuare ma richiedono un salto culturale, una presa di coscienza di quanto possiamo fare noi male agli altri se non le prendiamo in considerazione”.

Qui di seguito il video del servizio postato dal Presidente Vincenzo De Luca sulla sua pagina Facebook:

LEGGI ANCHE
Ischia, sindaco si difende: "Nessun razzismo, tuteliamo la comunità"

Potrebbe anche interessarti