Il coronavirus non ferma la Zeppola di San Giuseppe: “Zeppola Day quando tutto sarà finito”

Foto pagina Facebook Marco Infante

Purtroppo a causa dell’emergenza Coronavirus i napoletani il 19 marzo non potranno scendere in strada per festeggiare San Giuseppe o per gustarsi la mitica zeppola di San Giuseppe (dolce tipico della festività) appena sfornata dalla pasticceria. Ma il pasticcere napoletano Marco Infante conforta tutti dicendo, tramite un post pubblicato su Facebook, che appena tutto sarà finito e il Coronavirus resterà solo un brutto ricordo, ci sarà lo “Zeppola Day”.

“E’ evidente che anche il 19 marzo, il giorno di San Giuseppe, il giorno della festa del papà ma soprattutto il giorno della ZEPPOLA, non possiamo esserci. Ma noi vi facciamo una promessa! Appena riapriamo, appena tutto sarà finito, noi faremo uno ZEPPOLA DAY, perché qui nessuno si ferma, è tutto rimandato… e poi la Zeppola uagliù è un’istituzione nazionale! Ci state? A presto amici!”

Una promessa molto invitante quella fatta dal pasticciere napoletano Marco Infante che dal 12 marzo sulla sua pagina Facebook, ha raccolto adesioni tra colleghi napoletani e non solo, ma anche di fornitori e distributori in tutta Italia. La data dello “Zeppola Day” ancora non c’è, perché bisognerà attendere gli sviluppi dell’emergenza Coronavirus e ovviamente rispettare le disposizioni imposte dal governo.

Potrebbe anche interessarti