Abusa della figlia minorenne dal 2016: arrestato un 45enne napoletano

Abusi sessualiNapoli– Un uomo di 45 anni è stato arrestato per aver commesso abusi sessuali sulla figlia minorenne. Gli atti di violenza iniziarono nel lontano 2016.

Ai tempi del Coronavirus per qualcuno è una vera maledizione rimanere chiusi in casa con la propria famiglia. Per questo motivo che sin dall’inizio della quarantena sono stati attivati alcuni servizi per segnalare le violenze domestiche.

Per tante persone infatti questa quarantena può essere un vero e proprio incubo. Mogli maltrattate dai mariti, figlie stuprate dai padri, e tutto senza avere la possibilità di scappare.

Questo è ciò che è successo anche al 45enne C.P. che da ben 4 anni portava avanti le violenze sulla figlia minorenne. Fortunatamente Le indagini condotte dalla Squadra Mobile, con il coordinamento della Sezione IV (fasce deboli) della Procura della Repubblica di Napoli, hanno permesso di acquisire gravi indizi a carico del predetto.

Questo ha reso possibile l’esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli.

Queste le parole della ministra per le pari opportunità Elena Bonetti, riportate da Il Messaggero: “La porta per uscire dalla violenza è sempre aperta e sempre attivo è il numero antiviolenza 1522.

“Dal primo giorno in cui abbiamo proceduto alla chiusura e alla campagna per convincere le persone che era necessario rimanere a casa, ho posto il tema che questo potesse significare per tante e troppe donne rinchiudersi nell’incubo della violenza domestica.

“Quindi da subito come dipartimento abbiamo riattivato una campagna sui nostri social. Sia sui miei personali, sia sul sito del dipartimento. Per riaffermare che il numero 1522 è un numero che rimane sempre attivo.

“Nel momento in cui le donne dovessero subire abusi sessuali,  possono denunciare e appoggiarsi alla rete dei centri antiviolenza. Anche in questa situazione in cui siamo costretti a stare in casa.”

Potrebbe anche interessarti