Coronavirus, il pediatra: “Se i bimbi stanno male, portateli al Pronto Soccorso”

Napoli– Questa mattina un pediatra dell’ospedale Santobono ha fatto un appello per i bambini e ha invitato le famiglie a portarli al Pronto Soccorso senza avere paura del Coronavirus. “Vi prego, portateli in ospedale

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene.

Il medico del Santobono è stato molto chiaro durante l’intervista. Se i bambini ne hanno bisogno devono recarsi al Pronto Soccorso senza temere il contagio da Coronavirus. Questo è fondamentale per garantire una buona salute ai più piccoli. Purtroppo ci sono stati alcuni casi che sono risultati fatali proprio per la paura di infettarsi.

Gli ospedali infatti hanno costruito dei percorsi in totale sicurezza che garantiscono la tutela dei pazienti. Non bisogna prendere sotto gamba le malattie dei più piccini, soprattutto per quanto riguarda quelle croniche.

LEGGI ANCHE
Coronavirus, Poppella non apre: "Con questi orari e condizioni è meglio stare chiusi"

Queste le parole del professor Carmine Pecoraro dell’Ospedale Santobono, riportate dal Corriere del mezzogiorno: “Se i bambini stanno male, e il pediatra vi consiglia di portarli al Pronto Soccorso, portateli qui al Santobono. Non dovete aver paura del Coronavirus. Abbiamo fatto dei percorsi separati in sicurezza.

“Purtroppo questa notte c’è stato l’ennesimo caso di una bambina di 4 anni che ha fatto 20 giorni di doctor shopping, per altro tutte visite private, ed è arrivata in condizioni terribili. Molto probabile che se fosse venuta 20 giorni fa tutto questo non sarebbe successo. Abbiamo avuto altri 4 o 5 casi che hanno avuto un esito fatale. Se il bambino sta male, vi prego, non abbiate paura.

Anche i bambini che hanno una malattia cronica, che può essere instabile, che si può squilibrare. Per favore, per questi bambini, noi abbiamo fatto un sistema di comunicazione h24. Evitiamo di creare una nuova categoria di vittime. Le vittime della pandemia e del panico e non del Coronavirus. Vi prego portateli in ospedale se ne hanno bisogno.”

Potrebbe anche interessarti