Coronavirus, de Magistris: “Il Governo e le Regioni stanno abusando della situazione”

Luigi de MagistrisLuigi de Magistris, sindaco di Napoli, interviene a Radio Crc Targato Italia. De Magistris affronta ancora una volta il tema Coronavirus e come la pandemia stia attaccando, oltre che fisicamente, anche il turismo, i posti di lavoro, ma più in generale la vita stessa degli italiani. Secondo il sindaco di Napoli infatti: “c’è il pericolo che il popolo inizi ad abituarsi a questa situazione, ritenendo normale rinunciare a tutto”. Inoltre il popolo essendo stato sopraffatto dalla preoccupazione per la pandemia, “ha dato una delega in bianco al Governo e alle Regioni” che però “adesso se ne sta facendo un abuso”.

Luigi de Magistris esordisce parlando del Maggio dei Monumenti, che quest’anno sarà molto diverso da quello degli anni precedenti, la cui giornata di apertura sarà dedicata ad Aldo Masullo, filosofo e politico che è morto pochi giorni fa all’età di 97 anni.

“La tragedia di questo virus è sotto gli occhi di tutti; bisogna provare a riprendersi con tantissimo impegno. Il nostro sarà un Maggio dei Monumenti davvero importante, la giornata di apertura sarà dedicata ad Aldo Masullo. Napoli c’è e parte dalla cultura. Le prospettive di ripresa in Italia sono lontane, quindi bisogna agire subito, in condizioni anche così difficili, ancora in fase 1, per poi programmare al meglio la fase centrale della ripresa, e cioè l’estate. Per guardare con questo ottimismo al futuro bisogna essere bravi, altrimenti queste fasi potrebbero rallentarsi e tornare indietro.

Mai come prima, il primo maggio rappresenta una data importante e di profonda amarezza. Conteremo molti più disoccupati e persone senza la possibilità di riprendere la propria attività economica che morti da coronavirus. Ci sarà un cataclisma sotto il punto di vista di sociale ed economico, ma possiamo farcelaprosegue De Magistris a Radio Crc.

“Cominciamo a liberarci, ma questo accadrà solo se siamo attenti e bravi; ci troviamo nel momento più delicato. I napoletani hanno avuto un comportamento responsabile e questo si è visto con un numero davvero ridotto di contagi nella nostra zona. Il caso, però, potrebbe generare una risalita di contagi e costringerci, quindi, a ritornare indietro. Se non cominciamo ad indirizzarci, mano mano, verso una situazione di ripresa, non ci riprenderemo mai più, e ciò non deve assolutamente avvenire, perché, dopo due mesi di reclusione, c’è la necessità psicofisica di uscire di casa. Se per metà maggio si raggiungerà il contagio zero, verso giugno riusciremo a fare discorsi ben diversi”.

Il popolo, con la preoccupazione della pandemia, ha dato una delega in bianco al Governo e alle Regioni, ma adesso se ne sta facendo un abuso: sospendere quasi tutti i diritti costituzionali dei primi 21 articoli è qualcosa che non è previsto. C’è bisogno di una legge che possa farlo con dei limiti ben precisi”.

“Ampie ordinanze sono state violate anche dalle Regioni, ma di questi tempi la polemica non sarebbe servita a nulla, perché l’ansia di un popolo doveva stringersi attorno alle autorità. Anche le autorità preposte al controllo non sanno a chi rispondere, al Governo o alle Regioni. In Campania abbiamo molte ordinanze agevolatrici degli assembramenti, a partire dagli orari resi disponili.

Tenere completamente fuori quelli che tengono in piedi l’unità di un Paese, come i sindaci, è davvero preoccupante: questa è la fase più difficile che attraverseremo. L’emergenza non durerà un mese, ma diversi mesi, quindi c’è il pericolo che il popolo inizi ad abituarsi a questa situazione, ritenendo normale rinunciare a tutto. Non è che stiamo dando parte della nostra vita a chi non sta nemmeno preservando il nostro diritto alla salute?”, si chiede de Magistris, concludendo il suo intervento.

Potrebbe anche interessarti