Ospedale San Gennaro: stamattina manifestazione contro la chiusura di alcuni reparti

Chiusura Ospedale San Gennaro
Foto di Diego Barretta

Napoli– Questa mattina il Comitato San Gennaro è sceso in strada per manifestare contro il depotenziamento dell’omonimo ospedale: la possibile chiusura delle casse ticket ed il mancato inserimento del centro diabetologico e dell’ospedale di comunità hanno fatto infuriare i cittadini.

Sono state tante le promesse non mantenuta verso l’Ospedale San Gennaro, punto di riferimento di tutto il quartiere Sanità e dintorni. Ovviamente buona parte dei ritardi e del mancato lavoro è da imputare all’emergenza Coronavirus, ma i residenti chiedono comunque risposte chiare e concrete.

Altro problema è quello del Loreto Mare. L’ospedale potrebbe essere una valida alternativa alle inottemperanze del San Gennaro, ma anche in questo caso si sono presentate delle difficoltà. Questo infatti è diventato un centro Covid sempre a causa dell’emergenza e quindi meno funzionale come classico ospedale.

Per questo motivo il Comitato questa mattina ha occupato fisicamente il ponte di Santa Teresa degli scalzi. Hanno alzato la voce e chiedono risposte immediate. Queste le parole del Comitato San Gennaro su Facebook: “La lotta portata avanti in questi mesi dal Comitato San Gennaro tramite la mobilitazione, il controllo e l’incalzo costanti su ASL e Regione ha fatto si che partissero i lavori per l’impermeabilizzazione del tetto della struttura e che non si approfittasse dell’emergenza Covid per assestare altri colpi al suo funzionamento.

Tuttavia, permangono ancora problemi e gravi rischi, a partire dalla possibile chiusura della cassa ticket e di alcuni reparti, dal mancato avvio del centro diabetologico e dall’assenza di tempistiche chiare sull’apertura di hospice e ospedale di comunità. Siamo stanchi delle solite chiacchiere. Vogliamo risposte chiare. Per questo chiamiamo tutti a partecipare al nostro flashmob e a mobilitarsi per la rinascita di una struttura essenziale per il servizio sanitario nella città di Napoli.”

Potrebbe anche interessarti