Barbiere ucciso a Pianura: dopo 6 anni è stato arrestato il suo assassino

Squadra mobile della Polizia di Stato. Immagine di repertorio

Vasta operazione di polizia giudiziaria nell’area flegrea da questa mattina. Gli uomini della Squadra Mobile di Napoli sono attualmente impegnati nell’esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare emesse dal G.I.P. del Tribunale di Napoli. A riferirlo è Cronache di Napoli.

Una delle due ordinanze, emesse su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, ha portato la Squadra Mobile all’arresto di un uomo, ritenuto il mandate dell’omicidio di Luca Megali, avvenuto sei anni fa. La vittima, un barbiere di 28 anni, fu uccisa proprio nel suo salone di Pianura la sera del 6 novembre 2014. L’assassino lo colpì con quattro colpi di pistola mentre Megali tentava di nascondersi dietro la cassa. I dettagli dell’operazione per il momento non sono ancora noti.

Eseguita nel corso della mattina anche la seconda ordinanza, emessa nei confronti di tre soggetti, gravemente indiziati di estorsione e tentata estorsione aggravate dal metodo mafioso. I tre uomini, infatti, sarebbero noti alle forze dell’ordine per due diverse vicende di estorsione. Entrambe erano finalizzate ad ottenere un ingiusto profitto sul ricavato di truffe on-line effettuate tramite giochi e scommesse.

Potrebbe anche interessarti