Napoli, nessun anestesista in pensione risponde alla chiamata: “A breve il concorso”

Coronavirus Sessa AuruncaospedaleCiro Verdoliva perfettamente allineato con le opinioni di De Luca. Il direttore dell’Asl Napoli 1 ha affermato che “Serve intervento nazionale e rispetto delle regole”, intervenendo nella trasmissione Barba&Capelli condotta da Corrado Gabriele su Radio Crc Targato Italia. Diverse volte, negli ultimi giorni, è stato proprio il presidente della Regione Campania ad insistere per un lockdown nazionale, bocciando l’ipotesi di chiusure locali.

Sul ruolo della medicina territoriale Verdoliva è fiducioso: “Sappiamo tutti che l’azione sul territorio è fondamentale. I medici di base e i pediatri stanno facendo molto e bisogna fare di più. Ci sono tavoli che si sono conclusi con accordi e nutro speranze che questo aiuto possa aumentare”.

Il dirigente sanitario conferma la scelta di chiusura delle scuole: “Stiamo seguendo tutti i giorni l’evolversi dei contagi scolastici. Leggiamo di grandi numeri e andiamo a vedere l’incremento quotidiano. Immaginiamo cosa sarebbe accaduto se i positivi che si leggono nel nostro grafico fossero andati a scuola invece di restare a casa”.

Infine, i prossimi interventi con il concorso per gli anestesisti: “Oggi abbiamo gli ultimi 5 dei 72 pazienti al San Giovanni Bosco con i trasferimenti. Iniziano i lavori di adeguamento e come avevamo annunciato prima dell’11 novembre la struttura ospiterà i primi pazienti Covid. Ieri abbiamo chiuso gli accordi con i privati e abbiamo recuperato altri 100 posti dal 4 novembre. Nessun medico dalla pensione ha risposto alla chiamata di ritorno in servizio. A breve partirà il nuovo concorso per 40 posti da anestesisti”. 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più