L’Asl Napoli 1 non verrà sciolta: chiuso il procedimento per presunta infiltrazione camorristica


L’Asl Napoli 1 non verrà sciolta
, non sono emersi collegamenti con la criminalità organizzata. Si chiude così il procedimento che era stato avviato nei confronti dell’Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Centro, la più grande del Meridione: il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha adottato il decreto ai sensi dell’articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, numero 267. La conclusione dell’iter è stata annunciata dal Viminale con una nota sul sito.

Il Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha adottato il decreto – ai sensi dell’art. 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 – con cui si conclude il procedimento avviato nei confronti dell’Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Centro.

Allo stato dei fatti, non sono risultati sussistenti i presupposti richiesti dalla normativa vigente per lo scioglimento dell’Azienda in questione, mancando gli elementi concreti, univoci e rilevanti su collegamenti diretti e indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare.

Sono state, comunque, al momento individuate dai competenti uffici del Ministero dell’Interno, e rappresentate al Prefetto di Napoli, alcune aree di intervento nelle quali sono emerse situazioni di irregolarità amministrativa che hanno determinato evidenti disfunzioni nell’organizzazione e nella gestione delle attività di competenza della predetta azienda sanitaria, con particolare riguardo ai servizi forniti dal presidio ospedaliero San Giovanni Bosco.

Nel quadro della leale collaborazione istituzionale tra Stato e Regione è stato, dunque, invitato il prefetto di Napoli a segnalare alla Regione Campania le criticità riscontrate nel corso delle attività ispettive, allo scopo di consentire all’ente regionale l’adozione delle misure necessarie al ripristino della correttezza e della legalità nelle attività amministrative dell’azienda sanitaria in questione“.

Nei mesi scorsi il governatore Vincenzo De Luca aveva più volte ribadito l’estraneità dell’Asl Napoli 1 con la camorra querelando anche i media che diffondevano la notizia di un presunto scioglimento e relativo commissariamento. Primo fra tutti, il presiedete si era scagliato contro il giornalista di Report Ranucci che poi aveva fatto parziale marcia indietro ammettendo l’errore.

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più