Gianni ancora senza lavoro, rifiutate due offerte: “Non posso andare in provincia. Sono mortificato”

Napoli – È ancora senza lavoro Gianni, il rider picchiato e derubato del motorino a Calata Capodichino e per il quale il web si è mosso con una raccolta fondi per ricomprarglielo. In poche ore è stata raggiunta la cifra di oltre 11mila euro, somma di cui però l’uomo non ha voluto approfittare: metà dell’importo, infatti, è stato destinato alla fondazione Cannavaro-Ferrara. A lui sono giunte inoltre tante offerte di lavoro per consentirgli di svolgere il proprio mestiere, quello di macellaio, ma ad oggi i colloqui non sono andati a buon fine.

Gianni ancora senza lavoro: non può andare in provincia

Gianni ha infatti rifiutato sia l’offerta della macelleria Bifulco di Ottaviano che quella del supermercato Sole 365 di Caivano. Troppo lontane da casa sua, per lui che per spostarsi deve usare il motorino. “Mi sento mortificato – ha affermato l’uomo a Il Mattino – dopo che, per ben quattro volte, anche questo colloquio con la stessa catena di supermercati è andato male. Non pretendo di avere il lavoro sotto casa, però ho solo un motorino. Come posso spostarmi ogni mattina per arrivare in provincia? Ecco dove nasce la mia difficoltà”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più