Covid, c’è una nuova variante a Napoli: in Campania i primi casi di sudafricana mutata

Individuata una nuova variante del Covid-19 in Campania. Si tratta della mutazione della variante sudafricana ed è sta individuata nella zona di Pagani (agro-nocerino) ed alcuni casi ci sono stati anche a Napoli e provincia.

Lo studio della nuova variante

Lo studio è stato portato avanti dal Tigem, dall‘Istituto Pascale e dall’Istituto Zooprofilattico di Portici che hanno intercettato questa nuova variante, che deriverebbe dall’unione tra il ceppo europeo e quello sudafricano.

In un cluster dell’agro abbiamo trovato nove campioni positivi alla variante sudafricana mutata – spiega Pellegrino Cerino, dell’Istituto Zooprofilattico di Portici al Corriere del Mezzogiorno – . Con la Asl abbiamo condotto uno screening su duemila persone, ma fortunatamente non abbiamo riscontrato altre presenze di positività riconducibili alla mutazione rilevata“.

Insomma – continua Cerino – da sperimentazioni in laboratorio, è stato possibile accertare che il virus mutato si comporta come quello del ceppo europeo, ed è quindi sotto copertura vaccinale, sebbene la carica di positività risulti un po’ più resistente e si estingua oltre i quindici giorni“.

Potrebbe anche interessarti