Napoli, Mario Paciolla: un murale in sua memoria al Kobe Bryant Park

Nuova opera d’arte nei giardinetti di Via dell’Erba, nel quartiere Arenella, raffigurante Mario Paciolla, il cooperante napoletano dell’Onu trovato morto in Colombia il 15 luglio del 2020. L’opera raffigura Mario a mezzo busto, con una maglietta di Corto Maltese, il mare di Napoli e la scritta Diritti Umani. Mario aveva solo 33 anni quando l’hanno ritrovato morto nella sua stessa casa a San Vicente del Caguan, in Colombia.

Luca Carnevale ha realizzato l’opera nello stesso campetto dove si trova il murales di Kobe Bryant, anche lui morto prematuramente. Infatti, Mario era anche un grande appassionato di basket. D’altronde, il murales sarà inaugurato oggi alle 12:30. “Mario viaggia come Corto Maltese e lotta per i diritti umani, con la sua poesia che è un inno alla vita“, scrive l’artista Luca Carnevale su Facebook.

La morte di Mario Paciolla, inizialmente, venne riconosciuta come suicidio dalle autorità sudamericane. La famiglia non ha mai creduto a questa versione e, proprio per questo, la Procura di Roma ha aperto un’inchiesta per omicidio a carico di ignoti. Infatti, subito dopo la morte di Mario, è nato il gruppo “Giustizia per Mario Paciolla” per chiedere di fare luce su una morte ancora troppo oscura.

Finito 🎨🎨
Mario viaggia come Corto Maltese e lotta per i diritti umani ✊,
con la sua poesia che è un inno alla vita,…

Pubblicato da Luca Carnevale su Martedì 4 maggio 2021

 

Potrebbe anche interessarti