Napoli, campetto dedicato a Silvia Ruotolo: 24 anni fa il suo omicidio per mano della camorra

silvia ruotolo
Foto Charlatans Basket Napoli A.S.D.

Era un semplice giorno di Giugno, uno qualsiasi per una mamma che fa il proprio dovere e va a prendere il figlio a scuola, era la solita ma piacevole routine per Silvia Ruotolo, quando quel maledetto 11 Giugno del 1997, il suo nome venne inciso col suo sangue nell’elenco delle vittime della camorra. Oggi sono passati 24 lunghi anni ma il suo nome rimane inciso nella memoria del marito, dei figli e anche nelle strade di Napoli.

In questi anni in città sono state tante le celebrazioni in memoria della donna, madre di Alessandra Clemente – attuale assessore a Palazzo San Giacomo e candidato sindaco alle prossime amministrative. Oggi, come tutti gli anni, è stata ricordata la memoria di Silvia Ruotolo a Piazza Medaglie d’Oro. E’ stato infatti inaugurato questa mattina un campetto di basket ristrutturato e riqualificato e sarà intitolato proprio a Silvia Ruotolo.

Un bel progetto di riqualificazione della zona, una vittoria per l’Ente, le associazioni in campo e soprattutto per i giovani che avranno un nuovo punto di ritrovo dove potersi incontrare e giocare.

Promotore del progetto sportivo “Un canestro per amico” Giancarlo Garraffa presidente della “Charlatans basket Naspoli asd”, che ha ricevuto l’appoggio di Alessandra Clemente, dell’associazione Guapanapoli, i ragazzi de “Il Fuori Orario”, il gruppo “Quelli di Medaglie” e il “Comitato Kobe Park Montedonzelli”.

E proprio Alessandra Clemente ha voluto omaggiare il papà e la madre con un bel messaggio su Facebook: “Sei il mio esempio papà. Sei tu che mi hai insegnato a non mollare mai e ad AMARE sempre e nonostante tutto. Mi hai dato esempio di dignità e di forza, la forza di stare sempre in piedi e di sorridere sempre come mamma ci ha insegnato.
In questi giorni, per mamma, hai fatto l’ennesimo gesto d’amore enorme per questa città, che in realtà è per noi, è per lei e per l’ennesima volta mi sproni ad essere una persona migliore, a darmi da fare, provare ad essere anche io d’esempio. Come te“.

Potrebbe anche interessarti