Viaggio nel tempo tra ricordi e leggende di Napoli con NarteA

FIGLI D' 'A MADONNA CARFORA

L’Associazione culturale NarteA  propone per il 26 ed il 27 Ottobre e per il cosiddetto “ponte dei morti” alcuni itinerari teatralizzati, volti alla riscoperta del patrimonio artistico e culturale della città di Napoli. La “spettacolarizzazione” dell’evento culturale di NarteA combina la conoscenza ed il divertimento per catapultare i visitatori in un’epoca diversa da quella in cui vivono e dare un colore più vivo a tutto ciò che è sotto i loro occhi: folklore, tradizione, storia sono tutti punti cardine di un luogo che, connotandone sfumature impercettibili, ne accompagnano lo sviluppo da oltre duemila anni.

FIGLI D' 'A MADONNA FOTO

Gli itinerari spettacolo andranno in scena sabato 26 con  “Figli d’ ‘a Madonna” e domenica 27 con “L’ultimo degli Svevi”. Per i primi di Novembre, NarteA presenta con un tris di eventi  tra la Cappella Sansevero, la  Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco ed un excursus presso i siti monumentali di  San Domenico Maggiore  e  San Lorenzo.

Il visitatore sarà condotto in un epoca diversa e antecedente alla propria e – attraverso l’elemento della drammaturgia – potrà cogliere sia la bellezza materiale – artistica ed architettonica –  del sito esplorato, sia un patrimonio immateriale di tradizione, storia e leggenda. Sfumature preziose ed impercettibili potranno essere percepite in un evento che nasce dall’unione della tradizionale guida turistica con la pièce teatrale.

‘L’itinerario spettacolo’  ha luogo presso vicoli, piazze e cave sotterranee e fa riferimento alla Napoli ‘passata’, portando alla memoria aspetti sociali, antiche tradizioni e personaggi storici di grande rilievo. Il primo evento il calendario “ Figli d’ ‘a Madonna” – in scena il 26 Ottobre – rappresenta  una comune storia d’abbandono a Napoli. Ambientata nell’antico quartiere Forcella, negli spazi della Real Casa Santa dell’Annunziatala pièce – ideata e diretta da Antimo Casertano –  ricorda la vicenda di  uno dei migliori scultori ottocenteschi del panorama cittadino e nazionale, Vincenzo Gemito – detto  ‘ o scultore pazzo –  un ‘ Esposto ’ – ovvero una creatura abbandonata nel momento del nascere. La storia ripercorre così – nei pressi dell’antico Brefotrofio, della Ruota degli ‘ Expositus’ e nel Succorpo vanvitelliano –  un passato di sofferenza e riscatto personali.

Con “L’ultimo degli Svevi”  – evento proposto il 27 Ottobre – si ripercorre invece  la tragica vicenda dell’ultimo discendente di Federico II di Svevia – Corrado V di Hohenstaufen – detto Corradino.  A 744 anni dalla sua morte si celebra il mito romantico di un re morto in giovane età e si vuol così  ricordare sia  la dominazione sveva  sia l’importanza della città di Napoli  in epoca medioevale. Il percorso spettacolarizzato ed  interpretato da attori professionisti  avrà modo di percorrere alcuni dei più suggestivi siti cittadini, quali la Chiesa di Sant’Eligio, Piazza Mercato, e la Basilica del Carmine.

In occasione della festa d’Ognissanti NarteA presenta – in ultima istanza – un’offerta inedita per trascorrere il ‘ ponte dei morti’ nel segno del folclore partenopeo. Sarà in tal senso possibile acquistare un biglietto unico – detto  ‘ O biglietto d’ ‘ e muorte’  attraverso cui prendere parte a tre eventi teatralizzati. Il fine degli stessi sembra essere quello  di avere un’idea di come sia ancora presente ai nostri giorni, presso la popolazione napoletana, una sorta di pietas popolare per il culto dei Morti e delle Anime Purganti. Maggiori info su www.nartea.com

Informazioni utili

Figli d’ ‘a Madonna andrà in scena il 26 ottobre tra le ore 16:45 e 17:45, negli spazi della Real Casa Santa dell’Annunziata.
Prenotazione obbligatoria.
Quota partecipativa euro 10.
L’ultimo degli Svevi avrà inizio il 27 ottobre alle ore 11:00, negli itinerari della chiesa di Sant’Eligio, Piazza Mercato e la Basilica del Carmine.
Prenotazione obbligatoria.
Quota partecipativa euro 10.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più