Elezioni a Napoli, i già pessimi trasporti si bloccano: 100 dipendenti Anm in permesso

sciopero 29 novembreBen cento dipendenti Anm chiedono il permesso elettorale, di cui 70 sono autisti. A risentirne saranno i già pessimi trasporti pubblici cittadini, i quali non potranno contare per quattro giorni, da sabato 2 a lunedì 4 ottobre compresi, sui lavoratori candidati al consiglio comunale o di municipalità. Non si esclude che le richieste di congedo possano aumentare ulteriormente.

I permessi elettorali sono una costante per i lavoratori di Anm, la cui passione politica è evidentemente molto accentuata. In pressoché tutte le tornate elettorali sono decine e decine coloro che scelgono di candidarsi, ma in questo non sono tanto diversi dai moltissimi napoletani che scelgono di ingrossare le liste per portare più voti possibile al politico di riferimento. A qualcuno, ogni tanto, riesce il colpo grosso e conquista un posto in municipalità.

Alle scorse elezioni regionali furono 242 i dipendenti Anm in congedo, di cui la stragrande maggioranza candidati. Davvero pochi gli scrutatori o i presidenti di seggio. Ad ogni modo, la possibilità di avere un ruolo in politica e candidarsi alle elezioni è prevista direttamente dalla Costituzione. L’articolo 51, comma 3, dispone chiaramente: “Chi è chiamato a funzioni pubbliche elettive ha diritto di disporre del tempo necessario al loro adempimento e di conservare il suo posto di lavoro”.

Potrebbe anche interessarti