Qualità della vita in Italia: Napoli si piazza al penultimo posto della classifica

E’ Parma la città italiana dove si vive meglio in Italia. A rivelarlo è il 23esimo report sulla qualità della vita in Italia stilato da ItaliaOggi e Università La Sapienza di Roma, in collaborazione con Cattolica Assicurazioni, che hanno stilato una classifica delle città. L’anno scorso era in 40esima posizione. Bene le metropoli, male il Sud Italia.

LEGGI ANCHE: Classifica qualità vita 2020

Gli indicatori di benessere su cui si basa la ricerca sono nove: affari e lavoro, ambiente, disagio sociale e personale, istruzione-formazione e capitale umano, popolazione, reddito e ricchezza, sicurezza, sistema salute e tempo libero. Sono soprattutto i grandi centri urbani del Nord e in parte del Centro Italia a occupare i primi posti della classifica.

Delle 27 prime posizioni, cinque città sono piemontesi (Torino, Novara, Vercelli, Biella e Cuneo), cinque lombarde (Milano, Monza e della Brianza, Lecco, Cremona e Bergamo), una ligure (Genova). Ci sono poi Trento e Bolzano, tre città venete (Belluno, Verona e Padova), tutto il Friuli-Venezia Giulia a eccezione di Gorizia, tutta l’Emilia Romagna tranne Forlì-Cesena e Rimini, e Firenze.

Le uniche due grandi città che perdono posizioni sono Roma, che passa dal 50esimo al 54esimo posto, e Napoli, penultima davanti solo a Crotone. In fondo alla classifica anche Foggia, Siracusa e Taranto. Il capoluogo campano scende dal 103esimo al 106esimo posto rispetto al report precedente.

Una Napoli dunque che si classifica nel fondo e che spera di risalire quanto prima grazie ai soldi che dovrebbero arrivare dal Governo da reinvestire in città, così come chiede fermamente il sindaco Gaetano Manfredi.

Potrebbe anche interessarti