Ricetta di Carnevale: le frittelle di pasta cresciuta napoletane

Frittelle napoletane di Carnevale

Tra le ricette napoletane tipiche di Carnevale, non possono mancare le frittelle di pasta cresciute, solitamente vendute per strada e da sgranocchiare al volo tra una passeggiata e l’altra oppure come antipasto o contorno, in quanto si adattano facilmente a pietanza salate.

Persino Salvatore Di Giacomo ha scritto una poesia incentrata sulle frittelle:

Donn’Amalia ‘a Speranzella
Donn’ amalia ‘a Speranzella,
quanno frie paste crisciute,
mena ll’ oro ‘int”a tiella,
donn’ Amalia ‘a Speranzella.
Che bellezza chillu naso
ncriccatiello e appuntutiello,
chella vocca ‘e bammeniello,
e chill’ uocchie, e chella faccia
mmiez”e tìttole e ‘a vurraccia!
Pe sta femmena cianciosa
io farrìa qualunque cosa!…
Piscetiello addeventasse,
dint”o sciore m’ avutasse,
m’afferrasse sta manella,
mme menasse ‘int”a tiella
donn’ Amalia ‘a speranzella!

Ecco la ricetta per quattro/sei persone, tratta da Buttalapasta.it.

Ingredienti

400gr di farina
25 gr di lievito di birra
acqua tiepida
olio per friggere
zucchero

Procedimento
Sciogliete, in una ciotolina, il lievito di birra con un pò d’acqua tiepida, aggiungete un pizzico di sale, la farina e acqua tiepida, un pò alla volta, fino ad ottenere un impasto molle. Mettete la pastella a riposare, coperta da uno strofinaccio pulito, in un luogo fresco ed asciutto per circa 2 ore. Trascorso il tempo friggetela a cucchiaiate nell’olio ben caldo creando delle palline. Quando saranno cotte e ben dorate da entrambe le parti scolatele ed asciugatele sulla carta assorbente, spolverate con lo zucchero ottenendo così un fantastico dolce.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più