‘O Pate: poesie in lingua napoletana per celebrare l’amore verso il papà

papà

Il 19 Marzo, da sempre, oltre che celebrare S. Giuseppe si festeggia anche la Festa del Papà. Un giorno dedicato solo alla figura paterna, l’uomo che accompagna silenziosamente i passi dei propri figli, fino a quando avrà le forze necessarie, i papà sono ringraziati sempre troppo poco dai figli, tuttavia però continuano comunque ad amarli incondizionatamente, vivendo dei loro sorrisi e delle loro gioie.

Tutti da bambini a scuola, abbiamo imparato poesie e filastrocche per questa ricorrenza, e puntualmente i papà, dinanzi ai visini  paffuti e dolci dei propri figli, si sono emozionati mettendo da parte quella corazza da uomini impassibili. Ai bambini però, riesce tutto più semplice, non hanno imbarazzo e attendono con gioia il giorno in cui bisogna recitare la poesia, ma cosa succederebbe se decidessimo di dedicare una poesia al papà da adulti?

Anche in questo la lingua napoletana si distingue ed aiuta a far emergere i sentimenti più profondi, a dispetto di quanti non riuscirebbero a trovare le parole adatte per esprimere amore al proprio papà.

Vi proponiamo due poesie, scritte in napoletano e appunto dedicate ai papà. La prima di Nino D’Angelo, e la seconda di Eduardo De Filippo.

‘O pate è ‘o pate (Nino D’Angelo)

Nun se po lamentà maie cu nisciuno
addà fa sempe o forte, addà fa o pate
è capo ma nun sape cumannà
o pate è o pate
sempe annascuso, nun se vede maie
ma sape tutto chello ca succere
e quanno vò se sape fa sentì

e c’’a fatica nfaccia e dint’’a ll’ossa
va cammenanno cu e penziere appriesso
se cresce e figli dint’’o portafoglio
sempe cchiù chino e sti fotografie
nisciuno o sente quanno parla sulo
e se fa viecchio sestimanno e guaie
e si o faie male s’astipa
o dolore areto a nu sorriso
e se va appendere int’’o scuro
a na lacrema d’’o core
ca ogni tanto o fa cadè

o pate è o pate
nun se po’ rassignà si o juorno è niro
pe’ forza addà truvà nu piezze e sole
pe’ scarfà a casa soia primma e partì
o pate è o pate
o primmo amico e quanno si criaturo
ca fore a scola nun o truove maie
ma sta tutte e mumente addò staie tu

o truove sempe cu o piacere n mane
si nun vuò niente te vo’ da coccosa
e se sta zitto pe guardà e parole
ca so carezze ca isso t’’a mparato
acale l’uocchie quanno te salute
e sott’e diente dice statt’accorto
e chella mano ca te tocca
a spalla è o coraggio ca tiene
e nun te miette cchiù a paura
pecchè saie ca nun si sulo
quanno a vita è contro a te

Io so’l’ammore

Io so’l’ammore
‘o bene ca t’appiccia ‘a dint’
‘a forza ca te piglia ‘mbraccio
‘o sole ca se mmesco ‘e viento
e tu ‘o miette ‘ncopp’ ‘a mille facce
e ‘o mare e’ nu deserto d’acqua
‘a luna scenne ‘ncopp a terra
‘o cielo e ‘a strada sotte scarpe
‘o juorno e’ ‘a porta ca s’arape
‘a notte e’ chella ca se ‘nzerra
e ‘o core e ‘a capa fanno ‘a guerra.

bambino-papà

‘O PATE ( Eduardo De Filippo)

Pe tutta a vita st’Omme te sta accante,
e tu, a stiente, t’accuorge che sta llà,
p’e figlie fa e tutto, e nun se vante,
e soffre spisso senza mai parlà.

E comme a S. Giuseppe, zitto e muto,
s’abbraccia a croce e fa o vulere e Dio:
fatica, prega e resta scanusciuto,
e quanno chiagnechiagne,
t’ dich’io!

Si pure tene mpietto nu dolore,
o stesso, p’a fatica, esce a matina;
p’ a famiglia, è nu martire d’ammore,
all’ufficio, a o negozio o all’officina.

Te vò bene e t’ o dice quasi maje,
te fa l’elogio, si nun staje presente;
te vase nfronte quanno a durmi’ staje;
pe’ na carezza, gode veramente.

Si te richiama, o’ ffa pè vero amore;
pè te dà gioia, soffre tutt’e’ ppene;
e ogni ghiuorno se consuma o core,
pecchè è pate, è vecchio i è piccerillo.

Salutalo quante jesci e quante tuorne,
e falle qualche vòta na carezza:
t’accuorgi ampressa ca te gira attuorne,
suspiruso e te fa na tenerezza.

O bene che fa o pate l’annasconne,
pecchè è ommoe ll’omme accussì fa:
quanne o figlio se sceta a dint’ o suonne,
quanno sposa e addeventa isso Papà.

Potrebbe anche interessarti