Portici. Esenzioni e sconti Tari: chi potrà beneficiarne

In previsione dell’approvazione delle tariffe Tari per l’anno 2020, il comune di Portici, con il Sindaco Enzo Cuomo, ha deciso di attuare un piano di sostegno a favore delle categorie individuate come le più deboli e che potrebbero facilmente crollare di fronte all’aumento della suddetta tassa. A riportarlo è ilmattino.

La prima scelta è quella di applicare delle riduzioni rispettivamente del 10% per le librerie e del 15% per asili e scuole private. I quali si spera possano tirare un sospiro di sollievo e continuare a lavorare senza soccombere a questi rincari dovuti ai maggiori costi di raccolta e smaltimento dei rifiuti indifferenziati e dei rifiuti organici, stabiliti dal Sindaco Luigi de Magistris e dalla Società Provinciale SAPNA.

Il supporto più grande però è rivolto, senza ombra di dubbio, alla fascia di famiglie con familiari invalidi civili al 100% e con un reddito ISEE inferiore ai 12.000 annui, i quali saranno totalmente esentati dal pagamento della Tari.

È proprio il Sindaco Cuomo a dichiarare: “Quest’anno dobbiamo fronteggiare gli aumenti sui costi di conferimento dei rifiuti indifferenziati e l’aumento dei costi per lo smaltimento dei rifiuti organici che comporteranno un moderato aumento della Tari per le nostre famiglie.
Abbiamo però voluto esentare totalmente dalla Tari circa 1000 famiglie con familiari invalidi al 100 % che abbiano un reddito ISEE non superiore ai 12.000 euro annui.
Ed abbiamo diminuito la Tari per due settori strategici, le librerie e gli asili e le scuole.
Abbiamo previsto inoltre di fornire per il 2020 le buste per la raccolta differenziata di carta e plastica alle famiglie porticesi in regola con il pagamento della Tari.”

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più