Una donna alla ricerca di sua madre: Aiutatemi a ritrovarla

20140414_ceciclipboard01

Cosa si prova a cercare due genitori che non hai mai conosciuto dev’essere un’esperienza durissima, comprensibile forse, solo a chi ha avuto la sfortuna di viverla sulla propria pelle. Un’esperienza purtroppo comune a centinaia di persone, come Cecilia Paderi, residente a San Giorgio a Cremano che ha voluto affidare la propria storia a Facebook, sperando di ritrovare la propria madre biologica proprio attraverso il social più usato al mondo.

Cecilia ha voluto postare tutte le foto in suo possesso di quando era bambina, nella speranza che qualcuno la riconosca e l’aiuti a ritrovare sua madre e la sua identità perduta.

Nel suo profilo la donna ha scritto il seguente messaggio: «Questo profilo ha lo scopo di ricercare le mie origini. Sono nata il 7 novembre del 1971 all’ospedale di Pozzuoli. La mia madre biologica all’epoca aveva 27 anni e già un figlio o figlia. Sono stata registrata all’ufficio anagrafe del comune di Pozzuoli il giorno 16 novembre del 1971 dall’ostetrica e dal ginecologo, e successivamente trasferita alla Reale Casa dell’Annunziata a Napoli. Le foto da bambina possono ricollegarsi per qualche somiglianza al fratello/sorella. Il cognome Paderi non dovrebbe avere nessun collegamento con la famiglia biologica, ma il nome Cecilia potrebbe essere stato voluto dalla madre biologica. Chiedo di condividere il più possibile».

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più