Fiaccolata per la ragazza stuprata, il sindaco: “Bisogna diffondere pace e altruismo”

Ieri c’è stata una fiaccolata di candele rosse davanti alla stazione della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano per la giovane donna di Portici violentata da 3 ragazzi, nell’ascensore che porta ai binari del treno, situata all’uscita della stazione. La ragazza, che ha trovato il coraggio di parlare, ha raccontato quei tragici momenti in cui si è sentita annientata.

L’evento è partito da Oriana Russo, presidente di un’associazione culturale, alla quale si sono uniti, sindaci, consiglieri, assessori, associazioni, rappresentati delle istituzioni, e tanti cittadini che hanno presenziato in piazza, davanti alla stazione della circumvesuviana dove è avvenuto lo stupro, per sostenere la giovane donna.

Per fortuna “i 3 animali” come li definisce il sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, sono stati presi, ma purtroppo ce ne sono ancora tanti in giro, che da soli o in gruppo, che sono pronti a causare nuove vittime.

Quello che si potrebbe fare è, secondo quanto afferma Zinno in un post su Facebook:

Chiedere maggiore sicurezza, ma lavorare ancora di più con le scuole, le famiglie, le parrocchie e le Istituzioni per cercare di infondere in tutti la cultura della pace e dell’altruismo perché violenze del genere non avvengano mai più“.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più