Panchine dedicate a Massimo Troisi: sono iniziati oggi i lavori di Peppart

massimo troisiQuesta mattina, a via Flotard de Lauzieres, una delle principali strade della città di San Giorgio a Cremano, sono iniziati i lavori di decorazione delle panchine dedicate al grande Massimo Troisi. Delle vignette che decoreranno le panchine lungo la strada si sta occupando un artista del posto, Giuseppe Avolio, anche conosciuto come Peppart.

Peppart è un artista napoletano originario di Capodimonte e che da dieci anni risiede a San Giorgio a Cremano. Principalmente si occupa di vignette e ritratti caricaturali. È intervenuto con la sua arte anche ai Quartieri Spagnoli, nel cuore pulsante di Napoli, quando si è deciso di riempire Porta Carrese con rappresentazioni del grande Totò in diversi stili. Al progetto hanno partecipato oltre venti artisti.

totòPer tornare al progetto delle panchine dedicate a Massimo Troisi, si tratta di ben sette panchine “vignettate” ognuna delle quali ispirata ad uno dei film-capolavoro del grande Massimo. Ma c’è una novità: proprio ieri, l’artista è riuscito ad ottenere un’ulteriore panchina, alla fine della strada interessata al progetto, da dedicare alla Smorfia.

I lavori, promossi dall’Assessorato alla Cultura del comune di San Giorgio a Cremano, si inseriscono nel ciclo di iniziative legato al Premio Massimo Troisi che da anni si svolge regolarmente in città per promuovere progetti artistici di vario genere (dalla musica alla danza, passando per le arti figurative). Il tutto durerà circa dieci giorni.

massimo troisiPeppart, ovviamente, sta lavorando a cielo aperto, sotto gli occhi dei passanti che, a via Flotard de Lauzieres, vanno perlopiù a fare shopping. Tutti si fermano a dare uno sguardo, soprattutto i più anziani: sono loro ad esprimere le opinioni più simpatiche riguardo le vignette. Un signore ha chiesto addirittura se il comune avesse autorizzato l’artista a dipingere!

La preoccupazione di tutti, però, è la stessa. Tutti si pongono la stessa domanda… la frase che questa mattina Peppart si è sentito dire più spesso, infatti, è la seguente: “Speriamo le facciano durare!”

massimo troisi

Potrebbe anche interessarti