San Giorgio, 1000 uova di Pasqua e colombe alle famiglie in difficoltà

pasqua sindaco zinno

Questa mattina è iniziata la distribuzione di uova pasquali e colombe artigianali da parte dei volontari della Protezione Civile di San Giorgio a Cremano. È questa la bellissima iniziativa di Pasqua dell’amministrazione guidata dal Sindaco Giorgio Zinno nei confronti dei concittadini in difficoltà economica. Dopo gli aiuti di Natale (bonus spesa e bonus per acquisti), in accordo con l’assessore Giuseppe Giordano, l’amministrazione dimostra la sua vicinanza ai cittadini in un momento difficile e delicato come quello che stiamo vivendo.

“In questo lungo periodo di emergenza e con la conseguente difficoltà economica che ha colpito molte famiglie – spiega il Sindaco Giorgio Zinno – abbiamo cercato di far sentire ai nostri concittadini che non sono soli. Abbiamo cercato di soddisfare le esigenze di coloro che appartengono a varie categorie. Abbiamo investito risorse e programmato le azioni da intraprendere per lo sviluppo sociale della nostra comunità.”

Le iniziative della città di San Giorgio a Cremano

I prodotti pasquali sono stati realizzati in terre confiscate alla criminalità e saranno consegnati ad oltre 1100 famiglie sangiorgesi. Ma non finisce qui: dopo Pasqua si consegneranno anche pacchi con generi alimentari di vario tipo. L’acquisto dei prodotti è finanziato con i fondi residui dei bonus natalizi, che ammontano a 70mila euro.

Il sostegno dell’amministrazione di San Giorgio a Cremano si è fatto sentire dall’inizio dell’emergenza. A partire da Natale, oltre ai bonus spesa, la Protezione Civile ha consegnato oltre 300 tablet per dare a tutti gli alunni la possibilità di seguire le lezioni da casa. Ha dato bonus a neo genitori colpiti dalla crisi. Inoltre, ha distribuito circa 1000 saturimetri e donato 100 kit con misuratori di pressione, saturimetri e termoscanner a chi è positivo al Covid.

Il Sindaco Giorgio Zinno si dichiara molto soddisfatto dell’iniziativa di Pasqua. Per questo motivo continuerà a non far sentire sole le persone della sua città che in questo periodo hanno bisogno di aiuti concreti.

Potrebbe anche interessarti