Niente botti di Capodanno a San Giorgio a Cremano, scatta il divieto

Botti di Capodanno

Il sindaco di San Giorgio a Cremano con un’ordinanza pone il divieto di esplosione di qualsiasi tipo di fuochi pirotecnici e di botti, come si legge su Napolitoday.it. Il divieto riguarda anche la libera vendita dei prodotti dal 20 dicembre fino al 12 gennaio 2014. Tempi duri, quindi, per gli appassionati dei botti di fine anno. I trasgressori saranno puniti con un’ammenda pecuniaria che arriva fino a 500 euro.

L’amministrazione vesuviana già dall’anno scorso aveva ristretto il campo d’azione dei botti di Capodanno vietandoli all’interno di edifici pubblici come asili, scuole e ospedali ed entro un raggio di 200 metri da tali strutture.

LEGGI ANCHE
Diana, la cucciola morta di paura a causa dei botti di Capodanno

Le nostre iniziative – dice in una nota il sindaco – intendono dissuadere i sangiorgesi dall’acquisto di fuochi, ancorché legali. Il rischio di incidenti è troppo alto e non vale la pena rischiare di perdere occhi o arti solo per fare un po’di baldoria. Da qui la decisione di vietare completamente ogni tipo di esplosione sul nostro territorio“.

Potrebbe anche interessarti