Meta, 15enne si tuffa e batte violentemente sugli scogli: rischia danni fisici permanenti

Meta di Sorrento spiagge pubblicheFerito un ragazzo a Meta a seguito di un tuffo finito con un violento urto sugli scogli. Il 15enne rischia danni fisici permanenti. A renderlo noto è IlMattino.

Il tutto è accaduto a Meta di Sorrento, sulla cosiddetta spiaggia del Resegone, poco dopo le 14:00. Un tuffo, poi il caos e la corsa in ospedale. Il giovane bagnante è stato immediatamente soccorso e portato a riva. All’arrivo del 118 è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento.

Una volta giunto in struttura viene disposta una tac. A seguito di questa, il 15enne viene trasportato con urgenza in eliambulanza a Caserta, dove attualmente è ricoverato presso l’unità di Neurochirurgia del Sant’Anna e San Sebastiano.

Gli esiti della risonanza magnetica e della tac cervicale confermano la diagnosi di grave trauma cervicale. Il ragazzo è stato assistito dall’equipe medica guidata da Pasquale De Marinis.

Dagli esami effettuati sono emerse gravi ripercussioni a discapito degli arti. Il 15enne, infatti, ha perso la funzionalità degli arti inferiori e ne ha poca per uno di quelli superiori. Probabilmente dovrà sottoporsi ad una serie di interventi chirurgici.

La cosa certa, stando a quanto riferito dai medici dell’ospedale di Caserta, è che sarà necessario seguire un lungo iter di fisioterapia riabilitativa. In tal modo si spera di recuperare nuovamente le funzionalità corporee compromesse a seguito dello schianto.

Quello del ragazzo ferito a Meta di Sorrento è solo uno degli spiacevoli episodi che stanno caratterizzando la stagione estiva. Di ieri è la notizia di un altro giovane ragazzo che ha perso la vita dopo una giornata trascorsa al mare, a seguito di un incidente.

Potrebbe anche interessarti