Riceviamo e pubblichiamo: treno soppresso ma nessuno avverte i passeggeri

Treno soppresso FS Torre AnnunziataQuesta mattina i viaggiatori, in attesa alla fermata delle Ferrovie dello Stato di Torre Annunziata, che volevano recarsi a Napoli si sono trovati davanti a una brutta sorpresa. Infatti il treno delle 9.37 è stato soppresso, così come è indicato nella foto, ed i passeggeri sono stati costretti a dover prendere il convoglio successivo delle ore 10.19, il quale annunciava già a sua volta un ritardo di dieci minuti.

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di un nostro lettore:

“Siamo in attesa da più di un’ora, senza che nessuno ci dia notizie su ciò che è successo e ciò che accadrà. Nessun servizio sostitutivo ha accompagnato i passeggeri alla loro meta, mentre grazie alla biglietteria e all’assenza di personale di Trenitalia alla stazione di Torre Annunziata non si è potuto avere nessun chiarimento. Alla porta della sala dei dirigenti del movimento è stato bussato invano, anche se sbirciando dai vetri i PC sembrassero in funzione, così come un numero di telefono destinato a funzione di servizio per viaggiatori. Le persone sono state in tal modo costrette ad aspettare un’ora, perché nella città di Torre Annunziata un autobus è più raro di una goccia d’acqua nel deserto, tanto che intere zone sono sprovviste di linee funzionanti. Impossibile, dunque, raggiungere la Circumvesuviana, se non a costo di una lunga passeggiata: tanto vale aspettare il prossimo treno, dato il tempo che ci vuole ad arrivare in Circumvesuviana!
Se questa è civiltà, sono stanco.. siamo stanchi di questa insopportabile situazione, che va avanti da anni ormai”.

Tanto è cambiato da quando Napoli si dotò della prima ferrovia italiana. Ma la situazione dei trasporti meridionali pare che non sia stato il primo problema degli ultimi governi. Quanto ancora dovremmo aspettare affinchè cambi lo stato d’angoscia dei pendolari campani e meridionali?

Potrebbe anche interessarti