Torre Annunziata, in azione i cani molecolari: il loro fiuto è l’ultima speranza

In azione sul crollo della palazzina a Torre Annunziata ci sono tutte le forze dell’ordine: polizia, carabinieri, pompieri. Almeno 70 le persone coinvolte nell’imponente macchina dei soccorsi. A loro vanno ad aggiungersi le unità cinofile dei vigili del fuoco e del soccorso alpino, con i cani molecolari che scavano tra le macerie nella speranza di trovare in vita i sette dispersi, due dei quali bambini di 8 e 11 anni.

In particolare ci sono due pastori tedeschi. È al fiuto di questi cani, al loro proverbiale naso che sono affidate le speranze di amici e parenti dei dispersi e gli sforzi dei soccorritori. I cani molecolari dei vigili del fuoco sono segugi dal grande potere olfattivo, in grado di seguire una pista umana anche dopo diverso tempo dal passaggio del soggetto in un luogo.

Il loro naso è in grado di percepire e distinguere anche le più piccole particelle di odore e a mantenere in memoria le tracce individuate, capacità sviluppata grazie a un addestramento speciale.

Potrebbe anche interessarti