A VicenzaOro 23 aziende di Torre del Greco: corallo e cammeo beni dell’Unesco

Torre del Greco. A Vicenza Oro si parla il dialetto torrese. Al via oggi a Vicenza la prima fiera del nuovo anno del corallo e del cammeo: fino al prossimo 25 gennaio i maestri artigiani di Torre del Greco riuniti sotto l’egida dell’Assocoral esporranno il prezioso oro rosso made in Torre del Greco negli stand di VicenzaOro January.

Oltre venti storiche aziende del comparto orafo cittadino saranno impegnate nel rappresentare l’eccellenza torrese, al centro delle attenzioni per il progetto di inserimento della lavorazione artigianale del corallo e del cammeo di Torre del Greco nella Tentative List dei Beni Immateriali dell’Unesco.

“È un progetto ambizioso che racchiude il desiderio di una città intera, una cultura, quella torrese, chiaramente unica e universalmente riconosciuta – racconta Tommaso Mazza, Presidente del Comitato Promotore e di Assocoral – Il patrimonio culturale immateriale dell’Umanità rappresenta l’inventiva, l’abilità e la capacità dell’uomo di creare il bello e celebrare la natura, le idee, l’arte, la religione e il lavoro nel tempo. Arricchire la lista degli elementi riconosciuti dall’Unesco vuol dire contribuire a diffondere la cultura e le positive capacità umane nel mondo, impegnandosi nel riconoscere le differenze che contraddistinguono i popoli“.

Ecco le 23 aziende di Torre del Greco presenti a Vicenza Oro: Alessio Sorrentino, Aucella, Cameo italiano, Ciaravolo-Enemi Europe Gioielli, Collaro Salvatore, Condis di Condito Antonio, Condito Giovanni, Confuorto Gioielli, Borriello, Maresca, Mattia Mazza, Rajola, Rosita Gioielli D’Amare, Rovian, Coral Orafa mediterranea, Coscia, D’Elia, De Simone Fratelli, Dotea, Eva, F.Cozzolino pearling, Idea coral, Lello orlando.