Torre del Greco. Va al bar e dice di volersi suicidare: si taglia i polsi con coltello da 30 cm

via Litoranea

Torre del Greco. E’ stata sfiorata la tragedia in via Litoranea dove una donna, A.M.C., di 51 anni ha cercato di togliersi la vita.

Sposata e mamma di un bimbo piccolo la donna era andata a prendere un caffè in un bar della zona e aveva confessato al barista di volersi suicidare. L’uomo ha dato l’allarme e così alcuni vicini di casa hanno provato a buttare giù la porta dell’appartamento dove vive la donna, ma senza riuscirci.

E’ subito scattato l’allarme alle forze dell’ordine dove gli uomini guidati dal dirigente Davide Della Cioppa, hanno usato un’asta di ferro per aprire la porta trovando la donna in cucina, con in mano un coltello da 30 centimetri e con i polsi insanguinati. I poliziotti le hanno salvato la vita prestando i primi soccorsi. La donna è stata ricoverata all’ospedale Maresca e il marito ha confermato che soffriva di patologie depressive e che già un mese fa ha cercato di suicidarsi.

La donna, poi, ha raccontato di aver provato ad avvelenarsi con 20 compresse di un potente psicofarmaco.