Crac Deiulemar: sedici anni di prigione per i fratelli Della Gatta

Deiulemar

Il Pubblico Ministero Paolo Ovidio ha avanzato al giudice del tribunale di Roma pesanti richieste di condanna agli imputati del cosiddetto “Crac Deiulemar”. Chiesti sedici anni di reclusione per i fratelli Angelo e Pasquale Della Gatta, tredici anni per il comandante Giuseppe Lembo, otto anni di cella a Giovanna Iuliano, sette anni chiesti per Micaela Della Gatta e cinque anni di detenzione in carcere chiesti per Lucia Boccia e Maria Luigia Lembo. Un altro imputato, Leonardo Lembo, ha già patteggiato 4 anni e 6 mesi di reclusione.

Alle persone in questione sono contestati i reati di bancarotta fraudolenta e di abusiva attività di raccolta del risparmio, condotto a danno di oltre 13.000 risparmiatori per una somma di circa 800 milioni di Euro. La sentenza di primo grado è attesa per il prossimo mese di Maggio.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più