FOTO E VIDEO/ Porto Scala pulita da volontari: “L’amministrazione non ci ha ascoltati”

Il solleone del tardo pomeriggio non ha scoraggiato gli attivisti del Forum dei Giovani di Torre del Greco: venerdì 4 agosto, in una delle giornate più afose dell’anno, armati di guanti e sacchetti hanno lavorato con lena ed entusiasmo fino a ripulire completamente la passeggiata Porto-Scala, restituendole parte dell’originario prestigio.

Inciviltà dei cittadini e inerzia dell’amministrazione, complice anche la mareggiata notturna che l’ha significativamente danneggiata, hanno infatti gettato nel degrado il tratto forse più pregevole del nostro territorio, inaugurato poco più di un anno fa nell’ambito di un costosissimo progetto di restyling comunitario.

«Non abbiamo intenzione di sostituirci a chi, in questo momento pare evidente, non si preoccupa di valorizzare un luogo della nostra città che potrebbe essere magico. Non abbiamo intenzione di fare questo, anche perché altrimenti dovremmo essere lì ogni 24 ore. Vogliamo semplicemente lanciare una serie di messaggi che vanno dal rispetto del territorio che ci ospita, dal rendersi conto delle opportunità che la nostra terra ci offre e che non sfruttiamo fino ad arrivare al ruolo e alle responsabilità dei cittadini» spiega il presidente del Forum, Mattia Maio.

[youtube height=”360″ width=”100%”]https://www.youtube.com/watch?v=0GriAjfqHFs&feature=youtu.be[/youtube]

La direzione del Forum, prima di procedere all’evento Passeggiate Pulite, aveva rivolto un appello, rimasto inascoltato, all’amministrazione comunale, protocollando una richiesta di intervento sulla banchina Ponente e sulla relativa passeggiata.

La loro oculata ricostruzione del pietoso status del waterfront evidenziava criticità precise: il sovraffollamento del parcheggio nella stagione di punta e il conseguente posteggio dei veicoli sulla passeggiata ha provocato buche nella pavimentazione lignea, causa di cadute e infortuni specie per i più piccoli, senza contare che rappresentano un ostacolo importante al passaggio di passeggini e smart scooters.

I cestini installati in fase di costruzione della passeggiata appaiono troppo piccoli e in numero troppo esiguo per far fronte alle esigenze di un luogo così suggestivo e frequentato: turisti e cittadini non particolarmente evoluti hanno ritenuto automatico gettare cartacce e rifiuti di ogni genere sul pavimento, trovando pieni i bidoni.

La replica non è arrivata né dai vertici né dall’allora assessore all’Ambiente Luigi Mele, così almeno a quest’ultima problematica i ragazzi hanno deciso di provvedere da soli, con l’aiuto dei volontari che ne hanno a loro volta sposato la causa, con questa sessione di pulizie pomeridiana, un vero atto d’Amore verso la città.

«Il momento politico che stiamo vivendo rende prioritarie altre questioni, ma provvederemo a inoltrare di nuovo le nostre richieste, anche al commissario, se dovesse arrivare».

Potrebbe anche interessarti