Rivoluzione rifiuti e priorità alle periferie: Mele presenta il programma politico

Le elezioni si fanno sempre più vicine, è tempo per i candidati di sfidarsi a colpi di proposte e progettualità: è toccato a Luigi Mele (ri)presentarsi alla cittadinanza ed illustrare le priorità del proprio programma di governo. L’ex assessore ai lavori pubblici ha presentato con una conferenza all’MM nella prima serata di lunedì 21 maggio programma e candidati. A sostenerne la corsa a primo cittadino sei liste, nel parterre sia vecchi nomi della politica torrese, come l’ex borrelliana Alessandra Tabernacolo, Cinzia Mirabella di Forza Italia e l’assessore uscente Salvatore Quirino, sia nomi nuovi, come il giovane commerciante Gianmarco Del Prato.

“Il nostro programma è fatto di realizzabilità, di progetti fattibili e necessari” – ha affermato Mele. Presentato come prioritario il ripristino di periferie e litorale: recupero dei sospesi del progetto Più Europa, ampliamento di marciapiedi in zone come via Curtoli e Martiri d’Africa con possibile inserimento del senso unico per agevolare, date le dimensioni anguste delle strade, il passaggio dei pedoni.

Per quanto riguarda la viabilità è dato per certo il ripristino del doppio senso di circolazione in zona Nazionale, accennata anche la possibilità di creare una bretella di collegamento in zona Cappella Bianchini che unisca Via Cupa dei Monaci, via Nazionale e via NuovaTrecase.

In zona Leopardi il programma prevede invece la creazione di un Palazzetto dello Sport e limitrofo parco verde. Prevista anche la rivoluzione della differenziata: le isole ecologiche saranno spostate ai confini della città o in zone periferiche, lontano da scuole e centri abitati. Mele non esclude il ritorno alla raccolta porta a porta e la possibilità di creare isole interrate, invisibili di giorno e destinate ad un duplice utilizzo.

Previsto anche il reinserimento di un presidio di giudici di pace, un progetto di cassa marittima, la creazione di un porto polifunzionale ( area cantieristica verso S.Giuseppe alle Paludi e miglioramento del porto turistico), il recupero dell’area Molini e la possibilità di creare una cittadella universitaria. Nel programma anche un ponte con i referenti regionali per ripristinare almeno un servizio valido di primo soccorso presso l’ospedale Maresca.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più