M5S, i quindici punti di Sanguigno: il programma del candidato per le comunali 2018

Comunali 2018, in chiusura di campagna elettorale ripercorriamo i tratti salienti dei programmi dei sette candidati alla carica di sindaco per la città di Torre del Greco. Quello dell’ingegner Luigi Sanguigno, il candidato del Movimento Cinque Stelle, dottore in ingegneria dei materiali, forte di un dottorato al National Technical Institute di Atene e di numerosi incarichi professionali anche all’estero, si articola in quindici punti principali, illustrati singolarmente da vari meeting in giro per la città: primo step la sperimentazione del reddito di cittadinanza locale, misura già adoperata in altri comuni pentastellati come quello di Marino, presso Roma, dove è già operativa l’erogazione di un assegno fino a 600 euro per le famiglie in difficoltà.

Sulla stessa linea, la conseguente mappatura dei disagi sociali per attivare le dovute politiche di sostegno ai cittadini diversamente abili: si eviteranno così sprechi di denaro pubblico e danni erariali. Altre risorse saranno destinate alla manutenzione scolastica e alle attività culturali e sportive oltre l’orario scolastico: il punto “Cultura diffusa” mira a combattere l’evasione scolastica e la lotta alla povertà educativa e culturale. In cantiere il Rilancio del piano strategico del distretto Unesco di Pompei che darà impulso al turismo in città, anche mediante la creazione di un vero e proprio marchio territoriale che renda, con offerte mirate, Torre del Greco riconoscibile nel mondo. Il programma prevede anche l’istituzione dell’assessorato alla legalità e il sostegno dell’amministrazione ai truffati Deiulemar: la digitalizzazione della pubblica amministrazione renderà più agevoli il controllo del territorio. Tappa obbligata di ogni programma made in Torre gli ex Molini Marzoli: nel progetto dell’ingegner Sanguigno e della sua squadra l’area sarà destinata a un centro polifunzionale con quattro progettualità principali, sport, cultur, artigianato e green economy.

Altri punti riguardano migliorie al sistema dei trasporti, con un occhio di riguardo alle periferie, e la rivalutazione della megarisorsa “Acqua-Parco-Mare”. Ripubblicizzazione del servizio idrico, monitoraggio degli scarichi abusivi, iniziative di tutela al Parco Nazionale del Vesuvio, rivalutazione del litorale, con interventi qualificati di depurazione e pulizia delle spiagge. In particolare, la pianificazione delle risorse paesaggistiche e naturalistiche rappresenta il fiore all’occhiello di quel brand cittadino promosso dall’amministrazione anche attraverso il rilancio del piano Unesco di cui sopra. Previsto anche un assessorato al marketing territoriale, card multiservizi per musei, escursioni e mezzi di trasporto, una rete che coinvolga gli operatori di settore e l’ammodernamento del Puc al fine di promuovere su più fronti il prestigio turistico della città. Il candidato sarà ospite insieme agli aspiranti sindaci delle altre coalizioni venerdì 1 giugno, all’ex Palestra Gil, per un dibattito moderato cui tutta la cittadinanza può partecipare.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più