Si è spento Salvatore Cutolo, storico pasticciere di Torre del Greco

salvatore cutolo
Foto di Angelo Di Ruocco

Si è spento oggi l’amatissimo pasticciere Salvatore Cutolo, storico punto di riferimento per la città di Torre del Greco grazie al suo bar, pasticceria e gelateria in attività sin dal 1950. Il locale, presente da ormai tre generazioni a Torre del Greco, è oggi un esempio di pasticceria moderna sul territorio.

La notizia del decesso di Salvatore Cutolo è stata diffusa sui social da Angelo Di Ruocco, presidente della Pro Loco di Torre del Greco con un post: “Da qualche ora ho appreso la triste notizia, Salvatore Cutolo, punto di riferimento e figura centrale dell’intera comunità di Leopardi e non solo di Leopardi, con il suo Bar Pasticceria, ha lasciato questa terra.

“Se ne andato in un momento complicato per il Paese, Lui, persona cordialissima e con un sorriso per tutti, Lui che merita il doveroso ossequio di tutta la comunità, l’omaggio di intere generazioni, che son cresciuti con i sui biscotti all’amarena o il sanguinaccio all’uscita del cinema Leopardi, per la schedina del sabato sera, per il telefono pubblico quando poiché famiglie avevano il telefono in casa.

salvatore cutolo“Lui che ha deliziato le nostre tavole nei giorni di festa, ci lascia, passatemi questa espressione, lui che ha addolcito tanti nostri momenti tristi, con l’amaro in bocca, per non potergli attribuire, dati i rigorosi divieti in atto, il giusto e meritato cordoglio.

“La sua impronta rimarrà incancellabile per la comunità di Leopardi e per tantissimi leopardesi che vivono nel mondo, un patrimonio umano oltre che di produzione di qualità, che per fortuna e per la memoria di Salvatore, trova riscontro e continuazione nei figli e nei nipoti, sopratutto con Giuseppe e Salvatore Cutolo junior.  Alla cara moglie, a tutti i figli, generi, nipoti, fratelli e parenti tutti, la mia vicinanza e le mie condoglianze”.

Qui di seguito il post ufficiale di Angelo Di Ruocco sul suo profilo Facebook:

LEGGI ANCHE
Cassata al forno di Loffredo, nata dall'incrocio tra la pastiera e il tipico dolce siciliano

Potrebbe anche interessarti