Torre del Greco, l’elenco di tutti i lavori pubblici da fare e le strade

via Litoranea
Foto di Google Maps

Dopo l’emergenza epidemiologica da COVID- 19 che ha investito negli scorsi mesi la città di Torre del Greco, al via una serie di interventi di riqualificazione e di manutenzione stradale già precedentemente approvati dall’Amministrazione Palomba.

Nello specifico, su indicazione dell’Assessore ai Lavori Pubblici, Elvira Novella Ventimiglia, e su coordinamento del Dirigente al VII settore LL.PP., Giuseppe D’Angelo, in partenza nei prossimi giorni diversi cantieri sul territorio comunale.   Nella giornata odierna – in via Giovanni XXIII e successivamente in via dei Naviganti – lavori di riqualificazione delle strade e di ampliamento dell’Impianto di captazione delle acque meteoriche, previsti anche in via Calastro, via e Largo del Santuario, via Marconi e via E. de Nicola, via Cavallerizzi e via Scappi.

Attività di riqualificazione delle aree pubbliche, approvate nel progetto relativo all’accordo quadro con determina dirigenziale n. 2582 del 21.12.2018 inizieranno, invece, dopo la dovuta sospensione per l’emergenza coronavirus da domani, 04 giugno, in via Litoranea e saranno mirate al miglioramento dell’accessibilità alle aree demaniali marittime – cosiddetti arenili – mediante opere di ripristino e/o realizzazioni ex novo di strutture di accesso, quali rampe e scale – nonché – interventi di verifica e messa in sicurezza delle aree stesse.

Tali interventi consisteranno principalmente in:

  • Ripristino accesso danneggiato dalle calamità naturali spiaggia libera Lava Troia;
  • Ripristino accesso danneggiato dalle calamità naturali spiagge libere adiacenti lido Miramare;
  • Riverniciatura di tratti delle ringhiere ammalorate primo tratto via litoranea;
  • Ripristino e/o sostituzione di soglie in pietra lavica in località litoranea;
  • Ripristino dissesti costone primo tratto via litoranea – di fronte giostrine;
  • Sistemazione e/o sostituzione fontanine pubbliche;
  • Sistemazione e/o sostituzione cestini;
  • Verifica arredi;
  • Verifica pavimentazioni stradali.

Frattanto, continuano sull’intero territorio cittadino  le opere di riqualificazione dei marciapiedi comunali e di abbattimento delle barriere architettoniche, in considerazione del fatto che insistono sul territorio  numerosi marciapiedi ove si riscontrano usure e disomogeneità della pavimentazione, dissesti delle cordonature, svellimento delle mattonelle e mancanza di discese per disabili, tali da rendere problematico l’uso degli stessi, e, da ostacolare il libero utilizzo sia da parte dei pedoni abili che ai portatori di handicap.

Così, al netto delle zone già sistemate, sono in fase di recupero sino ai prossimi mesi le strade di:

  • Viale Diaz (sistemazione marciapiedi , di parte della sede stradale e predisposizione impianto di videosorveglianza e discese per disabili);
  • Via C. Colombo (sistemazione tratti di marciapiedi, della sede stradale e discese per disabili);
  • Via dei Velaioli (realizzazione di tratto di marciapiede e discese per disabili);
  • Via M. D’Africa (adeguamento tratto di marciapiede per disabili);
  • Via Maresca (sistemazione tratti di marciapiedi e discese per disabili);
  • Via Cupa Maresca (sistemazione di tratti di pavimentazione sede stradale);
  • Viale A. Moro (sistemazione tratti di marciapiedi e discese per disabili);
  • Via Purgatorio (sistemazione tratti di marciapiedi e discese per disabili);
  • Via Nazionale (discese per disabili).

Una serie di interventi  importante e necessaria  – la dichiarazione dell’Assessore Ventimiglia quelli che l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Palomba ha inteso porre in essere per la rivalorizzazione del decoro urbano cittadino che, finalmente, possono riprendere secondo una preordinata tabella di marcia. Dopo la fase d’arresto, infatti, dovuta all’emergenza sanitaria è ora il tempo di dare avvio a tutte le opere pubbliche programmate che sono prioritarie in una realtà ampia ed articolata come la nostra città.  Continuiamo a lavorare nel solo ed esclusivo interesse della collettività”.