Ciro Borriello: la capitaneria consegna al comune le aree demaniali del porto

porto-Torre-del-Greco

Nuovo passo in avanti negli interventi di riqualificazione del porto nell’ambito del progetto “Più Europa“.

Nei giorni scorsi, infatti, sono state consegnate al Comune di Torre del Greco, attraverso complesse procedure amministrative attivate dalla Capitaneria, tre aree demaniali della zona Porto- Scala, che, una volta ultimati i lavori, consegnerà ai cittadini una nuova passeggiata in prossimità dello scalo marittimo.

Di fatto – ha affermato l’assessore ai lavori pubblici Luigi Mele –  avviamo il progetto denominato ‘Porto-Scala’. Un intervento che purtroppo farà perdere la piccola area parcheggio posta in prossimità del molo di ponente che però, come abbiamo garantito ai diportisti che a più riprese ci hanno fatto presente la cosa, sarà sostituita dallo spazio individuato per le esigenze dei tanti frequentatori del porto nell’area affidataci in comodato d’uso dalle Ferrovie dello Stato posta a poca distanza”. Il progetto prevede anche la realizzazione di opere di difesa costiera attraverso una scogliera sommersa, l’adeguamento della rete fognaria in località Calastro.

Ecco il comunicato:

COMUNICATO STAMPA

Ciro Borriello sindaco, nuovo passo in avanti nelle interventi di Più Europa

La Capitaneria di porto consegna al Comune tre aree demaniali

 

Nuovo passo in avanti nella realizzazione degli interventi di riqualificazione finanziati con i fondi del programma “Più Europa”. Nei giorni scorsi infatti sono state ultimate le procedure di consegna di altre aree demaniali marittime al Comune da parte della Capitaneria di porto di Torre del Greco.

All’esito di complesse procedure amministrative attivate dalla Capitaneria e conclusesi celermente con l’acquisizione dei prescritti pareri espressi dalle varie amministrazioni coinvolte, si sono di fatto chiuse le procedure di consegna, in attesa dell’avvio delle opere destinate a ridisegnare l’intero assetto del porto, procedendo anche a una rifunzionalizzazione dello stesso.

Tre in particolare le aree consegnate dalla Capitaneria all’ente: la parte demaniale in località Porto-Scala per la riqualificazione degli spazi pubblici di relazione nell’ambito dell’omonimo progetto che punta a creare una nuova passeggiata a ridosso della zona portuale; quella da 650 metri quadrati tra lo specchio d’acqua e la scogliera per la realizzazione di opere di difesa costiera attraverso una scogliera sommersa; l’area da 300 mq in località Calastro per l’adeguamento della rete fognaria.

“Con la consegna da parte della Capitaneria di queste aree – afferma l’assessore ai Lavori pubblici Luigi Mele, che sta seguendo l’intero programma di interventi legati a Più Europa per conto dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Ciro Borriello – di fatto avviamo il progetto denominato ‘Porto-Scala’ che permetterà, una volta ultimati i lavori, di consegnare ai cittadini e agli amanti della zona una passeggiata in prossimità dello scalo marittimo. Un intervento che purtroppo farà perdere la piccola area parcheggio posta in prossimità del molo di ponente che però, come abbiamo garantito ai diportisti che a più riprese ci hanno fatto presente la cosa, sarà sostituita dallo spazio individuato per le esigenze dei tanti frequentatori del porto nell’area affidataci in comodato d’uso dalle Ferrovie dello Stato posta a poca distanza”.

“Si tratta – sostiene il comandante della Capitaneria di porto di Torre del Greco, Rosario Meo – del coronamento di un percorso virtuoso di stretta interazione amministrativa e di cooperazione interistituzionale tra Capitaneria e civica amministrazione, che si pone nel solco di quella consolidata azione di rilancio, in chiave proattiva, delle politiche del mare da tempo congiuntamente avviata in un’ottica  integrata e programmatica, al fine di poter contribuire, anche e soprattutto attraverso il coinvolgimento dei vari livelli di governance del territorio e delle diverse categorie del comparto marittimo, al rilancio e allo sviluppo della linea di costa e in particolare delle realtà portuali ivi intimamente inserite”

 

Torre del Greco, 4 maggio 2015