Video. Torre del Greco: centinaia di topi fuoriescono dalle macerie

videooo

L’annoso problema dei topi a Via Piscopia, Torre del Greco, è tutt’altro che risolto. A denunciare la situazione è il consigliere del Movimento 5 Stelle, Ludovico d’Elia, che da tempo si sta occupando della questione.

D’Elia aveva già fatto, tempo fa, un esposto all’Asl, dalla quale non ha mai ricevuto risposta. Dopodiché si è recato dal dirigente comunale, invitandolo a verificare la situazione di persona, dato che la derattizzazione, già in programma, prevedeva solo la zona pubblica e non quella privata. “A seguito della verifica si è visto – afferma d’Elia – che i ratti avevano invaso anche tutta la zona privata e che c’era bisogno di prendere provvedimenti più seri della semplice derattizzazione. Sono stati così, in accordo con il proprietario dell’area dove ci sono e macerie del palazzo crollato, installati degli erogatori”.

Erogatore
Erogatore

Da allora la situazione non è affatto migliorata. “Il problema principale – ha sottolineato d’Elia – è la probabile presenza di aree e scantinati al di sotto delle macerie, e la possibilità che vi siano delle fognature aperte.” Secondo d’Elia infatti, il problema non è stato risolto perché i topi provengono proprio dai sotterranei del palazzo crollato, ed hanno le tane tra le macerie, ipotesi che l’ufficio tecnico non ha confermato ma neppure smentito. Così in una commissione il consigliere del Movimento 5 Stelle ha fatto una richiesta di ordinanza in deroga alle leggi vigenti, per costringere il proprietario, tramite appunto ordinanza, a prendere provvedimenti al fine di eliminare il problema. Tale ordinanza può essere emessa solo in caso di pericoli gravi, nel caso specifico, malattie, igiene e probabile aggressività degli animali.

Per fortuna il proprietario del terreno ha deciso di eliminare le macerie prima che l’ordinanza venisse emessa, e dal video possiamo notare la quantità di topi che fuoriescono mentre la pala meccanica è al lavoro. Ora bisognerà procedere a chiudere eventuali scantinati e fognature aperte.

D’Elia ha richiesto anche l’installazione nella zona di cestini per la spazzatura, rialzati da terra e dotati di reti metalliche, onde evitare che i topi vadano a nutrirsi tra i rifiuti, richiesta che al momento non sembra, secondo d’Elia, essere stata accolta dall’amministrazione.

Il video è stato girato e postato su Facebook dallo stesso consigliere sulla sua pagina. Clicca per farlo partire:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più