Deiulemar, grande svendita: deserta anche la seconda asta per le due navi-gasiere

Deiulemar shipping

Non è bastato un ribasso per complessivi quattro milioni e 600.000 dollari rispetto alla prima valutazione scaturita dalla relazione dell’ingegnere Francesco Dagnino per attirare potenziali acquirenti. è andata deserta l’udienza-bis per la vendita della «Eleonora Lembo» e della «Margherita Iuliano»: all’asta per le due gasiere della Deiulemar Shipping, infatti, non sono state presentate offerte.
Un secondo flop che lascerà la coppia di navi in carico alla curatela fallimentare dell’ex colosso economico di via Marconi. Almeno fino al prossimo 18 luglio, quando ci sarà la terza udienza davanti al giudice delegato del tribunale di Torre Annunziata. Con un ulteriore ribasso del prezzo di partenza, fissato a 9,825 milioni di dollari.

Le eventuali offerte, come al solito, dovranno essere presentate entro le 12 del giorno precedente l’asta. Una gara che, a otto mesi dal crac della Deiulemar Shipping, rischia di assumere i contorni di una grande svendita d’estate: inizialmente, infatti, le due navi-gasiere erano state valutate 15 milioni e 400.000 dollari ciascuna. Una stima frutto della relazione firmata dal professionista di Genova che esaminò prima la «Eleonora Lembo» nel porto di Augusta – in Sicilia – e successivamente la «Margherita Iuliano» nella rada di Instanbul: navi in buone condizioni che, tuttavia, non sembrano interessare gli armatori europei e italiani. Rimasti alla larga dal tribunale di Torre Annunziata a dispetto dei primi «saldi» decisi dal dottore commercialista Giovanni Alari e dall’avvocato Maurizio Orlando, costretti a ordinare una svendita-bis per il 18 luglio.

L’eventuale ricavato della vendita della «Eleonora Lembo» e della «Margherita Iuliano» andrà esclusivamente ai creditori della Deiulemar Shipping – a partire dai creditori ipotecari e privilegiati – e non interesserà, dunque, gli obbligazionisti travolti dal crac da 800 milioni di euro della compagnia di navigazione.

Potrebbe anche interessarti