Degrado ed incuria, le 100 fontane verranno chiuse?

cento fontane palude

Il complesso monumentale delle 100 Fontane a Torre del Greco, da ormai troppo tempo versa in inaccettabili condizioni di degrado. Quello che una volta, alimentato dalle acque del fiume Dragone, era centro di aggregazione dove le donne si incontravano per fare il bucato – i famosi lavatoi pubblici – oggi è diventato un vero e proprio letamaio pubblico. Già in altre occasioni ne abbiamo denunciato le condizioni vergognose, ed oggi si prospetta la possibilità che il sito venga chiuso.

Il monumento è stato affidato, in data 17 giugno 2013, ad un’associazione chiamata “Comitato Progresso” il cui presidente è Vincenzo Porzio. L’associazione in questione all’epoca ha fatto specifica richiesta al comune per ottenere la gestione del sito e si sarebbe dovuta occupare della della manutenzione, della disinfestazione e della pulizia dell’area. Compito che, negli ultimi tre anni, non ha avuto seguito.

 

delibera1

E’ bene specificare che all’interno della richiesta al comune era chiaramente scritto “i rapporti convenzionali non dovranno comportare alcun onere per il bilancio comunale“.

cento fontane cannole

Così abbiamo contattato lAssessore Romina Stilo per chiederle qual è, in questo momento, la posizione del comune e cosa intende fare l’amministrazione comunale per risollevare le sorti del monumento. L’Assessore ci ha informato sulla possibilità di un’eventuale chiusura del sito, nel caso in cui, quest’ultimo, dovesse risultare inagibile – nei prossimi giorni infatti saranno effettuati dei sopralluoghi da parte dei tecnici al fine di verificarne l’agibilità – e che l’amministrazione comunale è seriamente intenzionata a recuperare, attraverso una ristrutturazione ed una riqualificazione, il sito storico cittadino e l’area circostante. Inoltre ci è stato riferito dall’Assessore che, date le difficoltà dell’associazione nel portare avanti l’impegno preso nel 2013, la gestione del sito potrebbe essere affidata a qualche associazione che ha le forze e le competenze per occuparsene.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più